Stress: riduce la memoria già a 40 anni

Stress: riduce la memoria già a 40 anni

Fonte immagine: Ben White / Unsplash

Un recente studio ha verificato che lo stress può ridurre le capacità di memoria anche nei 40enni per effetto del troppo cortisolo.

Gli effetti negativi dello stress sono stati ampiamente studiati dalla ricerca scientifica, che ha messo in evidenza le conseguenze che le situazioni altamente stressanti possono avere sempre sulla salute.

Ma adesso si aggiunge una conoscenza in più da questo punto di vista, perché un recente studio della Harvard Medical School di Boston ha dimostrato che lo stress può indurre ad un calo della memoria già a partire dai 40 anni. Gli esperti hanno svolto una ricerca che ha condotto più di 2300 individui con un’età media di 49 anni.

Hanno agito misurando il loro livello di cortisolo. Quest’ultimo è chiamato anche ormone dello stress ed è una sostanza rilasciata dalle ghiandole surrenali proprio per reagire alle situazioni particolarmente stressanti.

Se questo processo di secrezione del cortisolo si limita ad un periodo, ciò può risultare vantaggioso, perché permette all’organismo di reagire. Se le condizioni invece durano nel tempo, si possono avere delle conseguenze. Tra gli effetti negativi suggeriti per esempio c’è quello del mantenimento di un livello di pressione alta.

Gli scienziati hanno scoperto che livelli di cortisolo sempre alti potrebbero danneggiare anche la memoria e le abilità cognitive. Hanno verificato che il volume cerebrale si riduce nelle persone sotto stress. Justin Echouffo-Tcheugui, principale autore dello studio, ha fatto presente:

La nostra ricerca ha evidenziato perdita di memoria e volume cerebrale in persone di mezza età sane, quindi è importante per ciascuno trovare delle modalità di riduzione dello stress, come dormire a sufficienza, fare esercizio fisico moderato senza esagerare, praticare nel quotidiano tecniche di rilassamento.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La via della leggerezza: intervista a Franco Berrino e Daniel Lumera