Mangiare sano

Un’alimentazione sana è alla base del sentirsi bene e del corretto funzionamento del corpo. Affinché ciò si verifichi è necessario che la dieta garantisca tutti i nutrienti e le sostanze necessarie all’organismo. Ciascuno può comportare bisogni e necessità differenti, date sia dalla propria struttura fisica che dall’attività fisica svolta durante il giorno: l’importante è assicurarsi sempre di consumare cibi sani e nutrienti, in associazione con una salutare attività fisica.

Innanzitutto è bene ricordare che una dieta equilibrata deve evitare carenze quanto inutili eccessi. Centrare il proprio obiettivo in termini di calorie può non corrisponde all’idea di “equilibrio” se non vengono rispettate tali indicazioni.

Calcolo del proprio fabbisogno

Come suddetto ognuno ha un differente fabbisogno energetico da rispettare, frutto della somma tra il consumo di base e il dispendio energetico legato alle attività svolte durante la giornata. Conoscere le proprie necessità quotidiane passa innanzitutto per la definizione del consumo di energie necessario alla sopravvivenza, detto metabolismo basale (espresso in Kcal).

Per calcolare il metabolismo basale è possibile ricorrere a diverse formule, una delle quali prevede che si individui la propria massa magra alipidica: si procederà così [Peso corporeo – (Peso corporeo * Percentuale di massa grassa/100)]; ad esempio un individuo di 76 kg con massa grassa al 14% risulterà avere una massa magra alipidica pari a 65,36 kg, arrotondabile a 65. Da qui occorrerà confrontare delle tabelle di riferimento per ottenere il valore legato al proprio consumo giornaliero “di base”.

A questo si sommeranno i valori legati alla propria attività fisica giornaliera e al proprio obiettivo finale: chi vuole mantenere il peso attuale dovrà far corrispondere il consumo di energie all’assunzione di calorie dal cibo, mentre chi vorrà dimagrire o vorrà ingrassare dovrà puntare a un minore o maggiore apporto.

Suddivisione dei macronutrienti

I macronutrienti che sono solitamente presenti all’interno di una dieta sono carboidrati, proteine e lipidi (o grassi). Le loro funzioni sono differenti e in base a questo sono richiesti differenti apporti durante la giornata, variabili in funzione della propria attività fisica e del proprio metabolismo basale.

I carboidrati forniscono l’energia presto trasmessa al corpo, da consumare nel breve periodo e utilizzata soprattutto durante l’attività sportiva; hanno un “potere calorico” di 4 Kcal per grammo. Stesso valore anche per le proteine, che vengono utilizzate dall’organismo per la crescita, la ricostruzione e il mantenimento delle strutture cellulari (ad esempio muscolari).

I lipidi hanno un potere calorico più che doppio (9 Kcal/grammo) e sono utilizzate come energie a lento rilascio: su questi ultimi si basano ad esempio alcune diete che puntano sul digiuno periodico o sul ridotto consumo di carboidrati.

Pasti giornalieri

Le porzioni sono le quantità designate per ciascun alimento introdotto nella dieta; comune il riferimento a tale termine quando si parla di raccomandazioni da parte degli istituti sanitari per il consumo di frutta e verdura (le classiche 5 porzioni al giorno). Non esiste un quantitativo standard per tutti i cibi, ma variabile a seconda dello specifico prodotto alimentare.

Più in generale il riferimento alle porzioni prevede che si intenda l’alimento come crudo, al netto degli scarti ed eventualmente scongelato. Qualora si tratti di un cibo sottoposto a preparazione, come il pane o un dolce, l’indicazione fornita sarà relativa al prodotto così disponibile all’acquisto.

Sebbene alcuni studi promuovano formule differenti per quanto riguarda la frequenza alimentare, è spesso accettata come soluzione “standard” quella che prevede 5 pasti al giorno: tre principali (colazione, pranzo e cena) più due spuntini (a metà mattina e nel corso del pomeriggio). È generalmente consigliato evitare di consumare l’ultimo pasto della giornata troppo tardi, ma prevedendo almeno due ore di veglia prima di sdraiarsi a letto.

Esempio di menu equilibrato

Un menu equilibrato punta a fornire le calorie necessarie al fabbisogno energetico quotidiano in diverse percentuali: per circa il 45-50% da carboidrati, il 25-30% da grassi e la parte restante da proteine.

Chi vuole seguire questa linea può ad esempio consumare a colazione un binomio classico come latte e biscotti, purché il primo sia scremato e i secondi siano secchi. A metà mattina un frutto mentre a pranzo una pasta al pomodoro con parmigiano e olio d’oliva, seguita da una porzione di verdure e mezzo bicchiere di vino rosso.

Lo spuntino del pomeriggio comprenderà un frutto, mentre per la cena è consigliato il ricorso a un maggiore quantitativo di proteine (dal pesce come dai legumi). Il tutto accompagnato da una porzione di verdure e circa 50-60 grammi di pane.

Un’alimentazione equilibrata può anche risultare a tutti gli effetti tra le possibili soluzioni per dimagrire. Sebbene alcune diete dimagranti prevedano soluzioni estreme, ad esempio l’eliminazione dei carboidrati, questo non è obbligatorio. A confermare tale ipotesi sono diversi studi, che vedono nella Dieta Mediterranea un approccio valido per chi vuole perdere peso e mantenere in salute il proprio corpo.

Frutta e verdura, 5 porzioni al giorno allungano la vita: come fare
Frutta e verdura, 5 porzioni al giorno allungano la vita: come fare
Frutta

Frutta e verdura, 5 porzioni al giorno allungano la vita: come fare

Frutta e verdura possono contribuire ad allungare la vita di alcuni anni, a patto di consumare 5 porzioni al giorno: i consigli di Harvard.

Greta attacca l’UE: stop accanimento su alternative veg al latte
Greta Thunberg

Greta attacca l’UE: stop accanimento su alternative veg al latte

Greta Thunberg difende il latte vegetale dagli attacchi dell’Unione Europea: prevedere definizioni diverse è fuorviante per la giovane.

Dieta vegana riduce del 50% il rischio di morte prematura
Dieta vegana

Dieta vegana riduce del 50% il rischio di morte prematura

Passare alla dieta vegana riduce la mortalità del 50% secondo uno studio statunitense, condotto dall’American Heart Association.

Alimentazione, cattive esperienze modificano le preferenze a tavola
Mangiare sano

Alimentazione, cattive esperienze modificano le preferenze a tavola

Alimentazione, le esperienze negative modificano l’appetito attivando un interruttore nel cervello: lo rivela uno studio.

Pane bianco e pasta: esagerare aumenta i rischi per il cuore
Diete

Pane bianco e pasta: esagerare aumenta i rischi per il cuore

Consumare troppo pane bianco o pasta prodotta con grani raffinati può aumentare i rischi per il cuore: i consigli per mangiare sano.

Dimagrire dopo i 50 anni, ecco come fare
Diete

Dimagrire dopo i 50 anni, ecco come fare

Dimagrire dopo i 50 anni può rivelarsi difficile, scopriamo quali sono gli errori più comuni e qual è il percorso migliore per la salute.

Dieta Mediterranea green: cos’è e benefici per la salute
Dieta mediterranea

Dieta Mediterranea green: cos’è e benefici per la salute

La Dieta Mediterranea in versione green può portare benefici anche maggiori per l’organismo: ecco cosa cambia e gli effetti sulla salute.

Alimenti ricchi di vitamina C riducono il rischio Parkinson
Mangiare sano

Alimenti ricchi di vitamina C riducono il rischio Parkinson

Gli alimenti ricchi di vitamina C ed E sono ottimi rimedi naturali contro il Parkinson, a sostenerlo uno studio italiano.

Dieta Mediterranea, la migliore al mondo anche per il 2021
Dieta mediterranea

Dieta Mediterranea, la migliore al mondo anche per il 2021

Dieta Mediterranea ancora simbolo del mangiare sano a livello mondiale, a stabilirlo la classifica 2021 della testata statunitense US News.

Metodi di cottura, ecco quelli più salutari
Mangiare sano

Metodi di cottura, ecco quelli più salutari

Tecniche di cottura utili per il benessere del corpo e in grado di preservare le proprietà nutritive presenti nel cibo, ecco quali sono.

Dieta Mediterranea: il menu per dicembre
Dieta mediterranea

Dieta Mediterranea: il menu per dicembre

La spesa di dicembre offre tante proposte di stagione emblema della dieta mediterranea , frutta e verdura da servire per le feste di Natale e Capodanno

Feta: valori nutrizionali, calorie e nutrienti contenuti
Mangiare sano

Feta: valori nutrizionali, calorie e nutrienti contenuti

La feta è un formaggio greco DOP prodotto con latte di pecora e capra: vediamone i valori nutrizionali, le caratteristiche principali e come consumarlo.

Evitare di ingrassare nel secondo lockdown, istruzioni per l’uso
Diete

Evitare di ingrassare nel secondo lockdown, istruzioni per l’uso

Evitare di ingrassare durante il lockdown è tra i mantra della nuova ondata di Coronavirus: ecco i consigli utili per non aumentare di peso.

Globuli bianchi bassi: cause e cosa mangiare
Analisi del Sangue

Globuli bianchi bassi: cause e cosa mangiare

Cosa provoca una carenza di globuli bianchi, come si manifesta e come è possibile stimolare il sistema immunitario con l’alimentazione.

Menu settimanale sano: colazione, pranzo e cena
Mangiare sano

Menu settimanale sano: colazione, pranzo e cena

Quali alimenti da privilegiare per impostare un’alimentazione salutare ogni giorno: regole base e menu settimanale di esempio.

Mangiare sano riduce del 70% il rischio infarto
Diete

Mangiare sano riduce del 70% il rischio infarto

Una dieta malsana è il principale fattore di rischio di morte per le malattie cardiache: a dimostrarlo è uno studio.

Combava: cosa è, come si mangia
Frutta

Combava: cosa è, come si mangia

La combava è un frutto asiatico appartenente alla famiglia degli agrumi: ecco come si mangia e alcune delle sue proprietà nutritive.

Sale, troppo poco fa male alla salute: i livelli consigliati
Mangiare sano

Sale, troppo poco fa male alla salute: i livelli consigliati

Consumare poco sale nella dieta può essere dannoso per la salute, come l’assumerne troppo: perché e quali sono i livelli consigliati.

Dieta: mangiare tardi fa ingrassare, studio svela l’orario migliore
Diete

Dieta: mangiare tardi fa ingrassare, studio svela l’orario migliore

Mangiare oltre un certo orario può aumentare le possibilità di ingrassare: ecco qual è il momento migliore per la dieta secondo un nuovo studio.

Latte intero o scremato: le differenze
Mangiare sano

Latte intero o scremato: le differenze

Latte intero e scremato rappresentano due lavorazioni della nota bevanda alimentare: ecco le differenze e le loro proprietà nutritive.