Ictus

L’ictus, come sappiamo, è un grave problema di salute che consiste nella chiusura o rottura di un vaso sanguigno all’interno del cervello, la cui emorragia danneggia le cellule neuronali presenti nel sistema cerebrale. La zona colpita subisce infatti una repentina privazione di apporto di ossigeno (ischemia).

Non è facile parlare di ictus perché, per quanto la scienza stia facendo numerosi progressi per la prevenzione e la cura di questa patologia, resta complicato definirne le cause. Anche la sintomatologia è problematica perché spesso è sottovalutata e attribuita erroneamente a patologie più lievi. Il principale ostacolo alla cura è rappresentato da una diagnosi tardiva che in alcuni casi può indurre al coma e infine alla morte.

Cerchiamo di fare chiarezza.

Sintomi e cause

I sintomi di una emorragia cerebrale o ictus comportano mal di testa violento, difficoltà nei movimenti o ad articolare il linguaggio e improvvisi vuoti di memoria. Come è facilmente intuibile, i sintomi variano a seconda della zona del cervello in cui si è manifestato l’ictus.

Fra le cause principali, volendo escludere quelle genetiche, rientrano quelle attribuibili a uno stile di vita disordinato descritto da:

  • alterazione dei ritmi sonno/veglia (chi soffre di insonnia e i lavoratori turnisti sono più esposti),
  • una carenza di ferro nel sangue,
  • esposizione a temperature troppo rigide.

La cura e la riabilitazione

Ancor più complicato è affrontare l’ampio ventaglio di cure perché queste si modellano sulla zona cerebrale colpita dall’ictus. Fondamentale è iniziare il percorso riabilitativo non appena il paziente viene stabilizzato. In generale, tutti gli interventi consistono in una pratica ripetitiva mirata, per intenderci, la stessa utilizzata nell’insegnamento. A seconda dei casi, verranno effettuati interventi

  • di logopedia,
  • di recupero motorio,
  • di rafforzamento della memoria.

In tutti i casi ogni percorso riabilitativo successivo a un ictus è effettuato in strutture ospedaliere e seguito da personale specializzato.

Bagno caldo: aiuta a prevenire il rischio di infarto e ictus
Bagno caldo: aiuta a prevenire il rischio di infarto e ictus
Cuore

Bagno caldo: aiuta a prevenire il rischio di infarto e ictus

Un nuovo studio rivela che un lungo bagno caldo fatto più volte alla settimana o ogni giorno può ridurre il rischio di infarto e ictus: i dettagli.

Ictus e infarto: cenare troppo tardi aumenta i rischi per la salute
Cuore

Ictus e infarto: cenare troppo tardi aumenta i rischi per la salute

Un gruppo di scienziati dell’Università turca Dokuz Eylül avverte che cenare tardi, poco prima di andare a letto mette a rischio di ictus e infarto.

Inquinamento acustico aumenta il rischio di ictus
Ictus

Inquinamento acustico aumenta il rischio di ictus

Una ricerca inglese dimostra come vivere in zone particolarmente trafficate nelle ore diurne comporti un aumento del rischio di ictus e decessi.

Inquinamento: smog fa invecchiare cervello e aumenta rischio ictus
Cervello

Inquinamento: smog fa invecchiare cervello e aumenta rischio ictus

Uno studio correla l’esposizione di PM2,5 ad una diminuzione del volume cerebrale e ad un aumento del rischio di ictus anche in persone sane.

Dieta semi-vegetariana protegge da infarto e ictus
Frutta

Dieta semi-vegetariana protegge da infarto e ictus

Ridurre carne e derivati animali aumentando il quantitativo giornaliero di frutta e verdura aiuta a ridurre il rischio di infarto e ictus.

Vita sana riduce rischio di ictus del 54% nelle donne
Ictus

Vita sana riduce rischio di ictus del 54% nelle donne

Vita sana e dieta salutare aiutano le donne a ridurre il rischio di ictus del 54%. Lo studio condotto in Svezia dal Karolinska Institutet.

Gatti e ictus: sintomi e cure
Gatti

Gatti e ictus: sintomi e cure

Anche il gatto può essere vittima dell’ictus: è importante valutare i segnali e i comportamenti dell’animale per affrontare tempestivamente la problematica.

Tè verde e caffè alleati naturali contro l’ictus
Caffè

Tè verde e caffè alleati naturali contro l’ictus

Consumare tè verde e caffè assicurerebbe, secondo i ricercatori nipponici, una protezione contro l’ictus. I rischi verrebbero ridotti di quasi un terzo.