Stile di vita sano riduce di un terzo il rischio di ictus

Stile di vita sano riduce di un terzo il rischio di ictus

Dal passaggio a uno stile di vita più salutare è possibile ottenere una riduzione del rischio di ictus di oltre un terzo, a sostenerlo uno studio USA.

Rendere più sano il proprio stile di vita può ridurre di oltre un terzo il rischio di ictus. A sostenerlo uno studio condotto dai ricercatori della Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston e pubblicato sulla rivista medica Stroke. Secondo gli studiosi a beneficiare di questo vantaggio sarebbero in particolare le donne oltre i 50 anni.

I benefici nella prevenzione dell’ictus legati al condurre uno stile di vita sano sono stati studiati analizzando i profili di circa 60mila donne (tra i 40 e i 69 anni) incluse nel Nurses’ Health Study in North America. Le partecipanti sono state seguite per alcuni decenni. A condurre lo studio un cardiologo, il Prof. Goodarz Danaei, che ha dichiarato:

Abbiamo riscontrato che alcuni cambiamenti verso uno stile di vita salutare, persino quando sei nei tuoi “50”, presenta ancora il potenziale per prevenire l’ictus. Le donne che hanno operato modifiche al loro stile di vita durante la mezza età hanno ridotto il loro rischio a lungo termine di un quarto relativamente all’ictus in generale, e di un terzo per quanto riguarda uno specifico tipo, l’ictus ischemico.

Ictus ischemico (occlusione dei vasi sanguigni che portano il sangue al cervello) che rappresenta, secondo le statistiche fornite dai ricercatori, circa l’80% degli episodi totali di ictus. Secondo quanto affermato dai ricercatori in relazione alle modifiche da effettuare al proprio stile di vita, i benefici maggiori deriverebbero dal consumare più frutta e verdura, cereali integrali, pesce, frutta secca col guscio, riducendo in contemporanea il consumo di carne rossa e bevande alcoliche.

Tra i consigli indicati per quanto riguarda le modifiche allo stile di vita i ricercatori inseriscono anche lo smettere di fumare, lo svolgere esercizio fisico almeno 30 minuti al giorno e la riduzione dell’indice di massa corporea. Relativamente alla possibile estensione di tali conclusioni anche agli uomini, il Prof. Danaei ha concluso:

Ci sono altri studi a supporto del fatto che cambiamenti proporzionali nel rischio di ictus legati a modifiche nello stile di vita e nella dieta siano generalizzabili agli uomini.

Fonte: Daily Mail

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit a casa: nona lezione