Sri Lanka: spiagge più belle e periodo migliore

Sri Lanka: spiagge più belle e periodo migliore

Fonte immagine: Traumschoen via iStock

Lo Sri Lanka, la lacrima dell'India, è un luogo di grande fascino grazie alla foresta equatoriale: ecco le spiagge moderne e il periodo per visitarlo.

Tra le mete di viaggio più gettonate degli ultimi anni, lo Sri Lanka emerge come approdo di preferenza per moltissimi turisti. In particolare da coloro che non solo vogliono scoprire la storia e le tradizioni di questo Paese affascinante, ma anche e soprattutto dagli amanti del mare, considerando come la nazione possa approfittare di oltre 1.000 chilometri di coste. Ma quali sono le spiagge più belle da visitare e, ancora, in quale periodo dell’anno è meglio partire?

Di seguito qualche informazione geografica sullo Sri Lanka, i consigli per la partenza in relazione al clima tipico del luogo durante l’anno e, non ultimo, un breve elenco delle spiagge più gradite dai viaggiatori.

Sri Lanka: geografia e peculiarità

Sri Lanka

La Repubblica Democratica e Socialista dello Sri Lanka – conosciuta fino agli anni ’70 come Ceylon – è uno stato insulare asiatico. Immersa nell’Oceano Indiano, l’isola si affaccia proprio sulla costa sud-orientale del continente, tanto che viene geograficamente descritta come “lacrima dell’India”.

La posizione privilegiata, che ne ha permesso nei secoli di sviluppare numerosi scambi con l’Asia intera, permette all’isola di godere di un clima tropicale per gran parte dell’anno. Perlopiù pianeggiante, fatta eccezione per le cime interne come il Pidurutalagala e il Picco di Adamo, lo Sri Lanka può approfittare di una vegetazione ricca e fitta, data la presenza di una rigogliosa foresta equatoriale. Questo habitat ha favorito lo sviluppo non solo delle più svariate specie vegetali, ma ospita anche molti e caratteristici animali, tra cui spiccano diverse famiglie di scimmie e i tipici elefanti asiatici. Trattandosi ovviamente di un’isola, lo Sri Lanka può approfittare di oltre 1.000 chilometri di coste, molte delle quali presentano le più svariate strutture ricettive per accogliere i turisti dal tutto il mondo.

La capitale economica del Paese è Colombo, anche se ne esiste una amministrativa a Sri Jayawardenapura Kotte, un sobborgo della precedente città. L’economia locale si basa soprattutto sulla produzione e il commercio di spezie, come la cannella, ma anche sulla produzione di tè di elevatissima qualità, conosciuto in tutto il mondo. Segue quindi l’estrazione di gomma naturale, il settore tessile e manufatturiero, nonché il turismo.

Sri Lanka: periodo migliore e spiagge imperdibili

Sri Lanka

Per comprendere quale sia il periodo migliore per visitare lo Sri Lanka, è necessario innanzitutto conoscere il clima tipico della zona. Come tutte le aree prossime all’Equatore, l’isola vede un clima molto caldo e umido, soprattutto in alcuni periodi dell’anno. Ancora, lo Sri Lanka è spesso coinvolto da fenomeni temporaleschi molto intensi, considerando come sia coinvolto da ben due monsoni. In genere, nel periodo invernale – da novembre a marzo – si prediligono la costa ovest e il sud delle Paese, mentre in estate – da aprile a ottobre – quelle orientali e a nord.

Sono moltissime le spiagge paradisiache da vedere da vicino in Sri Lanka, alcune quasi incontaminate e altre ricche di strutture per soddisfare ogni esigenza dei viaggiatori. Quella di Unawatuna, ad esempio, è una delle più apprezzate: dalla sabbia morbida e dal mare solitamente tranquillo, è meta per chi vuole passare una giornata in relax, di tanto in tanto concedendosi un momento di svago in uno dei tanti negozi e ristoranti tradizionali del luogo. Altrettanto famosa è la spiaggia di Mirissa, gettonata dai turisti amanti della natura e degli animali, poiché punto d’elezione per l’osservazione di balene e delfini. Seguono Weligama, scelta dagli appassionati di surf, mentre per gli amanti del comfort e del lusso l’alternstiva quasi obbligata è rappresentata dalle spiagge di Bentota e Wijaya, dove sorgono alberghi dotati di ogni comodità.

Chi non può resistere alle immersioni si può recare a Hikkaduwa, dove ammirare da vicino la bellezza della barriera corallina, mentre Tangalle e Dalawella sono ideali per chi cerca il perfetto paesaggio tropicale, con acque cristalline e calme dove immergersi senza sosta.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Turismo, nel Sahara in bicicletta