• GreenStyle
  • Salute
  • Spugne da cucina: dentro 50 miliardi di batteri, come nelle feci

Spugne da cucina: dentro 50 miliardi di batteri, come nelle feci

Spugne da cucina: dentro 50 miliardi di batteri, come nelle feci

Fonte immagine: Pixabay

Nelle spugne da cucina si nascondono 50 miliardi di batteri: l'inquietante scoperta di un gruppo di ricercatori tedeschi.

In bagno si nascondono migliaia di batteri, lo sappiamo. Sappiamo che anche in cucina la situazione non è delle migliori. Un nuovo studio pubblicato su Scientific Reports rende però la situazione ancora più inquietante perchè le spugnette da cucina che usiamo ogni giorno sarebbero una fonte inesauribile di batteri.

I dati che troviamo in questa ricerca parlano oltre 50 miliardi di batteri che vivono sulla spugna per ogni centimetro cubo, numero simile a quello che si trova nelle feci. Tra questi batteri purtroppo ci sono anche alcuni molto simili a quelli che causano polmonite e meningite.

A portarci a conoscenza di questa scoperta è il gruppo di ricercatori tedeschi dell’Università di Giessen che hanno mappato il DNA di 14 spugnette usate. Per la prima volta quindi si è fatta un’analisi completa dei batteri delle spugne che sono dei serbatoi di microrganismi che spargono batteri su altre superfici domestiche. Questo è anche il motivo per cui le spugne hanno quell’odore insopportabile che sembra provenire direttamente dallo scarico.

Cosa si può fare allora per evitare infezioni e spargimento di batteri? Spesso pulire le spugne non serve anzi, si rischia di peggiorare la situazione. L’unica cosa che gli scienziati consigliano di fare è quella di cambiare la spugna almeno una volta alla settimana.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Alla scoperta del Monte Amiata