Spreco alimentare: quasi il 70% è più attento a evitarlo

Spreco alimentare: quasi il 70% è più attento a evitarlo

Italiani sempre più attenti in materia di spreco alimentare: cresce l'attenzione per il 68% di loro secondo l'Osservatorio Waste Watcher.

Italiani sempre più consapevoli per quanto riguarda lo spreco alimentare. A rivelarlo è il Rapporto 2020 dell’Osservatorio Waste Watcher, anticipato da Adnkronos, che rivela come evitare di gettare alimenti ancora utilizzabili sia diventato più importante per il 68% degli interpellati. Un tema che torna d’attualità in vista della Giornata mondiale contro lo spreco alimentare del 5 febbraio.

Spreco alimentare che ammonta ancora al 75-80% di quanto prodotto per essere venduto ai consumatori, in termini di perdite lungo l’intera filiera (dai campi fino alle case, passando per i vari rivenditori e distributori). In termini numerici si tratterebbe, secondo i dati forniti da Diari di Famiglia progetto Reduce, di oltre 2,2 milioni di tonnellate annue di alimenti sprecati ed equivalenti a circa 36 chili pro capite; per un valore stimato in quasi 12 miliardi di euro.

Secondo quanto ha dichiarato Andrea Segrè, fondatore di Spreco Zero – Last Minute Market, la percentuale di chi getta cibo tutti i giorni è passata dal 50% circa del 2014 ad appena l’1% relativo al 2019. Malgrado questo lo spreco alimentare resta in vetta alle cattive abitudini degli italiani con il 74%, seguito da quello idrico (52%), da quelli legati alla mobilità (25%) e da energia elettrica (24%) e soldi in generale (16%).

Il rapporto completo verrà presentato a Roma mercoledì 5 febbraio 2020 alle 10:30, presso la sede della Fondazione Enpam, in occasione della Giornata mondiale contro lo spreco alimentare. Tema 2020 sarà “Stop Food Waste, Feed the Planet“.

Fonte: Adnkronos

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Detersivi con scarti alimentari: ecco come realizzarli