• GreenStyle
  • Consumi
  • Spreco alimentare: 58% degli europei butta cibo buono, italiani attenti

Spreco alimentare: 58% degli europei butta cibo buono, italiani attenti

Spreco alimentare: 58% degli europei butta cibo buono, italiani attenti

In occasione della Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare si scopre che più di un italiano su due getta del cibo buono abitualmente.

Se c’è uno scandalo nella società moderna che dà più fastidio di altri è lo spreco alimentare. Per domani, 5 febbraio 2014, è stata indetta la Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, e per l’occasione Panasonic ha effettuato uno studio per capire qual è la situazione in Europa da questo punto di vista. E la situazione non è per nulla rosea. Nonostante la crisi economica, disoccupazione e tanti altri problemi sociali, più della metà delle persone getta via del cibo buono ogni settimana.

Per la precisione, secondo lo studio intitolato “Abitudini alimentari in Europa: acquisto e spreco di cibi freschi”, sarebbero il 58% gli europei “spreconi”. La ricerca è stata condotta da ICM su un campione di cinquemila persone in cinque Paesi diversi, tra i quali l’Italia, ed è emerso che il popolo più sprecone è quello tedesco, quello più attento a evitare sprechi è invece quello spagnolo. L’Italia è in perfetta media europea: il 58% spreca almeno una volta a settimana il cibo, il 42% fa molta attenzione a evitarlo. I più attenti in assoluto sono gli anziani, lo spreco di cibo si registra in meno della metà dei casi, contro il 72% dei giovani.

Oltre alle ricadute sociali e ambientali di questa scarsa attenzione al cibo, le ricadute sono anche economiche. Secondo lo studio di Panasonic infatti, prendendo come esempio la popolazione francese si registra che le persone che ammettono di gettare regolarmente del cibo si calcola che, per tutta la durata della vita (circa 60 anni) è come se buttassero nell’immondizia la bellezza di 15 mila euro.

Per quanto riguarda le abitudini culinarie, gli italiani sono il popolo che predilige maggiormente i cibi freschi (23%), contro appena il 9% degli inglesi, e sono anche il popolo che va più di frequente a fare la spesa (il 46% va al supermercato almeno 3 volte a settimana).

Gli Europei stanno riscoprendo l’importanza di un’alimentazione sana ed i giovani Italiani sono al primo posto nella preparazione di pasti con cibi freschi, cucinati almeno una volta al giorno (34% degli intervistati)

ha commentato Alessandro Battagliero, Group Product Manager Elettrodomestici di Panasonic Italia.

>> Scarica l’Infografica sullo spreco alimentare

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella