Sostenibilità: docu-film Eni sbarcano su Discovery Channel

Sostenibilità: docu-film Eni sbarcano su Discovery Channel

Al via domani la programmazione televisiva dei tre docu-film sulla transizione energetica di Eni, attesi a breve su Discovery Channel.

La strategia verso la sostenibilità di Eni racchiusa in tre docu-film. Questo il nucleo del progetto “Energia: il futuro della vita”, che la compagnia energetica presenterà, a partire da venerdì 27 gennaio, sui canali di Discovery Italia e sul sito Eniday.com.

Il progetto “Energia: il futuro della vita” punta a coinvolgere gli spettatori nell’universo energetico di Eni, in viaggio verso la sostenibilità energetica: fra i luoghi chiave di questo cambiamento il “Centro ricerche Eni per le energie rinnovabili e l’ambiente” di Novara e il “Green Data Center” di Ferrera Erbognone. Percorso che non mancherà di mostrare anche altri aspetti del variegato mondo Eni come dalla piattaforma Goliat in Norvegia alla raffineria di Gela, fino ad arrivare in Congo.

Documentari realizzati raccogliendo le voci di chi lavora ogni giorno affinché tale cambiamento verso una produzione più sostenibile avvenga. Come sottolinea Eni in una nota:

L’adozione di un modello energetico rientra nella più ampia strategia di Eni per la decarbonizzazione, fondamentale per contenere l’emissione di CO2 e contrastare i cambiamenti climatici. Per dar vita a questo racconto Eni con il Gruppo Discovery ha realizzato tre puntate da 24 minuti circa in cui raccontare le azioni concrete che l’azienda sta già compiendo in tutto il mondo.

Il primo appuntamento con i docu-film Eni è fissato per il 27 gennaio 2017 alle ore 22:05 su Focus (canale 56 del digitale terrestre) e proseguirà sulla stessa emittente ogni venerdì.

In un secondo momento i docu-film arriveranno su Discovery Channel (canale 401 di Sky) e Discovery Science (canale 405 di Sky), mentre un approfondimento sul tema verrà presentato e messo a disposizione sul sito Eniday.com.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella