Sostenibilità ambientale: Vaillant lancia The Green Evolution

Sostenibilità ambientale: Vaillant lancia The Green Evolution

Fonte immagine: Foto di annca da Pixabay

Vaillant Italia presenta il progetto The Green Evolution per migliorare la propria impronta di carbonio e quella delle comunità locali in cui opera.

Salvaguardia dell’ambiente e qualità dell’aria al centro del programma The Green Evolution lanciato da Vaillant Italia. Un progetto di responsabilità sociale attraverso il quale l’azienda punta a migliorare sia dal punto di vista delle attività interne che nell’ambito della comunità locale nella quale opera. Tra le iniziative anche l’evento “Scegliamo aria pulita” svoltosi martedì 28 gennaio 2020 e moderato da Alessandro Marenzi, vicedirettore Sky TG24; presenti Stefano Boeri, architetto e urbanista, Risto Linturi, futurologo, Gherardo Magri, AD Vaillant Italia, e Renato Mannheimer, membro del comitato scientifico Eumetra.

Un evento che è servito a Vaillant Italia per condividere i propri obiettivi in relazione alla propria impronta di carbonio, che verrà ridotta tramite un processo di innovazione e trasformazione incentrato su tre punti chiave: risparmio delle risorse; produzione e utilizzo di energia pulita; incremento dell’efficienza energetica. A cominciare dai miglioramenti nel rapporto energia-edificio della sede milanese di Vaillant Italia, con i lavori di efficientamento energetico che hanno permesso di ridurre le emissioni di CO2 di 18 tonnellate nel 2019.

Grazie all’installazione di un impianto fotovoltaico nello stesso anno sono stati generati 121 MWh di energie rinnovabili, mentre il rinnovamento del 20% del parco auto a favore di vetture ibride ha permesso di avviare la transizione verso una mobilità sostenibile. Nel complesso questi due provvedimenti hanno portato a ridurre le emissioni di CO2 di 72 tonnellate. Ulteriori 7 tonnellate sono state ridotte, portando la riduzione totale a 97, grazie al taglio della plastica usa e getta e alla digitalizzazione totale delle fatture (avviata nel 2017).

Vaillant Italia sottolinea infine la necessità di ammodernare il parco caldaie nella Penisola, dove molte sono ancora modelli non a condensazione. Impianti che se aggiornati permetterebbero, sottolinea l’azienda, di incrementare l’efficienza energetica dell’immobile. Infine gli alberi, conclude Vaillant, per la cui tutela è necessario non soltanto piantarne di nuovi, ma anche tutelare quelli già presenti:

Quest’anno l’azienda sarà quindi impegnata in un progetto che prevede sia la piantumazione che la tutela degli alberi in due importanti riserve naturali, il Parco del Ticino e il Parco dell’Aniene, habitat da salvaguardare per difendere la biodiversità vegetale e animale. Da aprile a giugno, per ogni caldaia venduta Vaillant pianterà un albero all’interno del perimetro delle aree protette e nel corso dei mesi successivi sosterrà la cura delle piante, affinché crescano sane e floride.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit a casa: quarta lezione