• GreenStyle
  • Salute
  • Social network nemici del sonno: un’ora al giorno fa dormire male

Social network nemici del sonno: un’ora al giorno fa dormire male

Social network nemici del sonno: un’ora al giorno fa dormire male

Un'ora di social network ogni giorno può rovinare le abitudini relative al sonno degli adolescenti: lo conferma uno studio canadese.

Un’ora di social network al giorno può influire in modo determinante sul sonno. Lo afferma un nuovo studio di alcuni ricercatori canadesi, che hanno deciso di effettuare un’indagine per analizzare il sonno sempre più scarso tra gli adolescenti, che spesso faticano a dormire per otto ore.

Gli studiosi hanno individuato il problema proprio nei social media. Chi aveva trascorso almeno 60 minuti ogni giorno su WhatsApp, su Facebook o su Snapchat soffriva di problemi di sonno maggiori rispetto a chi non aveva questa abitudine. È stato osservato che all’incremento del tempo dedicato alle applicazioni social corrispondeva una riduzione del sonno.

Secondo lo studio le ragazze adolescenti erano più dipendenti dai social network e per questo avevano maggiori probabilità di privarsi del sonno, ma il fenomeno colpiva in modo simile anche i ragazzi. I risultati mostrano un cambiamento notevole nelle abitudini dei più piccoli, che hanno maggiori opportunità di utilizzare i social network.

In precedenza altre ricerche avevano confermato che una privazione del sonno è collegata a delle prestazioni scolastiche scadenti. Secondo le linee guida statunitensi e canadesi, i ragazzi dai 6 ai 13 anni dovrebbero trascorrere a dormire tra 9 e 11 ore ogni notte per ricavarne una sensazione di benessere in generale.

Lo studio ha permesso di prendere in considerazione le abitudini quotidiane di 5.242 studenti canadesi tra gli 11 e i 20 anni, che hanno preso parte ad un’indagine svolta a livello provinciale nelle scuole. Il 74,3% degli intervistati ha detto di utilizzare i social media per almeno 60 minuti al giorno. Il dottor Jean-Philippe Chaput dell’istituto di ricerca Children’s Hospital of Eastern Ontario, autore della ricerca, ha dichiarato:

L’impatto che i social media possono avere sui modelli di sonno è un argomento di grande interesse, dati i ben noti effetti negativi della privazione del sonno sulla salute. I dispositivi con schermi elettronici sono molto presenti nella società odierna e stiamo appena iniziando a capire i loro rischi e i benefici.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Opera2030 Open Day II “Truth News and Good Actions”