Smartphone: UE propone ritorno alle batterie sostituibili

Smartphone: UE propone ritorno alle batterie sostituibili

Unione Europea propone ritorno alle batterie sostituibili per migliorare la riparabilità degli smartphone e prolungarne la durata riducendo i RAEE.

L’Unione Europea studia il ritorno alle batterie sostituibili per gli smartphone. Questi dispositivi sono per la quasi totalità realizzati con sistemi di accumulo integrati, che in caso di avaria o deterioramento richiedono un’assistenza specializzata per provvedere alla loro sostituzione. Una condizione che l’UE punta a modificare, ripristinando le condizioni in vigore fino ad alcuni anni fa.

Secondo quanto riportato dal sito olandese FD l’Unione Europea vorrebbe inserire il ritorno alle batterie sostituibili per gli smartphone all’interno del “Green Deal”. L’obiettivo è quello di prolungare la durata dei dispositivi, in diversi casi abbandonati proprio per l’eccessivo costo legato alla sostituzione dei sistemi di accumulo, riducendo quindi il volume di RAEE prodotto dal settore telefonia.

La Commissione Europea è pronta a presentare un progetto firmato Frans Timmermans, vice direttore “Green Deal”. Il documento dovrebbe essere reso pubblico a partire dalla metà di marzo. Se approvato nelle sue linee originali dovrebbe portare a semplificare la riparazione dei dispositivi, riducendone i costi e incrementando la possibilità di reperimento dei componenti sostitutivi.

Iniziativa che segue di alcune settimane un’altra possibile azione da parte dell’Unione Europea, che ha avanzato l’ipotesi anche di caricabatterie universale per tutte le tipologie di smartphone. Nel mirino si troverebbe soprattutto Apple, che presenta soluzioni proprietarie non del tutto in linea con gli altri dispositivi in commercio.

Fonte: FD

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Una Pila alla Volta: intervista a Giulio Rentocchini