• GreenStyle
  • Consumi
  • Sistema solare alieno uguale al nostro scoperto dal telescopio Kepler

Sistema solare alieno uguale al nostro scoperto dal telescopio Kepler

Sistema solare alieno uguale al nostro scoperto dal telescopio Kepler

Un sistema planetario simile al Sistema Solare è stato scoperto dagli scienziati del MIT, tre pianeti in rotazione intorno alla stella Kepler-30.

Un sistema planetario molto simile al nostro sistema solare è stato scoperto da un gruppo di scienziati e astronomi americani del Massachusetts Institute of Technology (MIT) guidati da Roberto Sanchis-Ojeda. La scoperta, descritta nell’ultimo numero della rivita Nature, è stata resa possibile grazie all’impiego del telescopio spaziale Kepler della NASA.

Il “gemello” del sistema solare comprende tre pianeti che ruotano attorno a una stella, magneticamente attiva e assai simile al nostro Sole, chiamata dagli scienziati “Kepler-30”. I tre corpi celesti extrasolari sono stati chiamati con i nomi di “Kepler-30b”, “Kepler-30c” e “Kepler-30d” e sono tutti e tre più grandi della Terra, con un raggio rispettivamente superiore di 4, 13 e 10 volte.

Secondo quanto spiegato dagli astronomi, questo è il primo sistema planetario finora scoperto dotato di una configurazione molto simile a quella del Sistema Solare, tanto che i pianeti hanno un orbita allineata all’equatore solare, esattamente come avviene sul nostro sistema. Questa caratteristica fa propendere gli esperti per l’ipotesi che la formazione dei pianeti sia avvenuta da un unico disco gassoso, a differenza di quanto notato invece finora in altri sistemi, i cui pianeti hanno orbite disallineate con quelle dell’equatore solare.

sistema solare gemello

Tutti gli studiosi sono concordi nel sottolineare il valore della scoperta di Kepler-30 e dei pianeti che gli orbitano attorno, dato che essa promette di far compiere un salto in avanti per quanto riguarda la comprensione dei meccanismi che entrano in gioco nella formazione e nel funzionamento dei sistemi planetari. Nonostante ciò, la questione rimane ancora lontana da una piena consapevolezza, mancando ancora diversi tasselli del mosaico che descrive le interazioni tra stelle e pianeti.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Alla scoperta del Monte Amiata