Silvio Berlusconi salva 5 agnelli per Pasqua

Silvio Berlusconi salva 5 agnelli per Pasqua

Silvio Berlusconi salva 5 agnelli per Pasqua: una scelta testimoniata in video da Leidaa, per una campagna di Michela Vittoria Brambilla.

Le festività di Pasqua sono ormai alle porte e, come da qualche anno a questa parte, sempre più associazioni scendono in campo per sensibilizzare l’opinione pubblica sul difficile destino degli agnelli. Animali strappati prematuramente alle loro madri, e pronti a finire al macello, per soddisfare la tradizione del pranzo pasquale. Quest’anno, tuttavia, i simpatici erbivori possono contare sul supporto di un personaggio d’eccezione: Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia ha voluto infatti salvare cinque esemplari, aderendo alla campagna di salvaguarda indetta dalla Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente.

Gli animali sono stati strappati da morte certa e, come riferisce TGCom24, da qualche giorno saltellano felici sul prato di villa San Martino, ad Arcore. Quattro agnellini già pascolano nella grande tenuta lombarda, a questi si aggiunge un minuscolo esemplare di soli 10 giorni, ribattezzato Fiocco di Neve.

L’adozione dei cinque erbivori da parte di Silvio Berlusconi è stata testimoniata da un video della Lega Italian per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, dove il leader di Forza Italia, accompagnato da Michela Vittoria Brambilla, si mostra mentre allatta amorevolmente i piccoli e irresistibili esemplari, aiutandosi con un biberon. L’iniziativa fa parte della campagna della stessa Leidaa, intitolata “A Pasqua scegli la vita, scegli veg”.

È proprio Michela Vittoria Brambilla, attraverso il video diffuso sulle piattaforme social, a spiegare l’importanza di un simile gesto:

Salvare la vita agli agnelli e ai capretti, in particolare in questi giorni di Pasqua: è quello che chiediamo agli italiani ed è quello che ha voluto fare anche il Presidente Berlusconi, adottando questi piccolini che, diversamente, avrebbero fatto davvero una brutta fine.

Per l’imminente Pasqua, di conseguenza, il consiglio è quello di optare per le alternative cruelty-free all’agnello, sposando l’alimentazione vegetariana e vegana, mantenendo gusto, salute e rispettando appieno le esigenze degli amici animali.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Pierluigi Sassi