Sigarette elettroniche: arsenico e piombo nelle ricariche

Sigarette elettroniche: arsenico e piombo nelle ricariche

Tracce di metalli pesanti nei liquidi delle sigarette elettroniche: piombo e arsenico secondo l'Università di Napoli.

Nuove pesanti accuse per le sigarette elettroniche. I liquidi utilizzati per le ricariche delle e-cig conterrebbero secondo l’Università di Napoli Federico II quantità sopra i limiti di piombo e arsenico. Le analisi hanno riguardato circa 30 differenti marche di prodotti per il fumo elettronico.

Sigarette elettroniche quindi di nuovo al centro di polemiche sulla loro presunta pericolosità. Di nuovo è la presenza di metalli pesanti come il piombo e l’arsenico, ma anche cromo e altre sostanze ritenute cancerogene, a spingere verso una più stretta regolamentazione di tali prodotti. In questo caso lo studio è stato commissionato dall’associazione Salvagente, che già la scorsa estate aveva sollevato la questione relativa ai composti liquidi destinati alla ricarica delle e-cig.

Dai campioni analizzati le concentrazioni di piombo sono risultate superiori ai limiti previsti per l’acqua in tutti i campioni, mentre 12 su 30 contenevano valori superiori a quelli presenti di norma nel sangue umano. Sale a 20 il numero delle marche che superano i livelli di presenza di arsenico e altri metalli.

La comunità scientifica resta al momento divisa sulla strada da seguire per uscire dalla situazione di incertezza che vive in questo momento l’Italia. Clima analogo a quanto si sta registra in Francia, dove dati vicini a quelli dell’Università di Napoli Federico II sono stati resi noti appena pochi giorni fa.

In difesa dei produttori associati si leva l’ANaFE (Associazione Nazionale Fumo Elettronico), sostendo come i propri affiliati siano in piena regola con le attuali normative e che siano favorevoli all’introduzione di regolamentazioni chiare e stabili. Controlli a tappeto chiede invece il Codacons, che tramite il suo presidente Carlo Rienzi invoca l’intervento tempestivo del Ministero della Salute e maggiore attenzione alla sicurezza pubblica:

Non vogliamo demonizzare le sigarette elettroniche, ma in assenza di certezze e regole precise sulle sostanze contenute nei liquidi e sulle possibili conseguenze per la salute derivanti dall’inalazione delle stesse, devono essere ritirati dal mercato quei prodotti che contengono al loro interno sostanze pericolose per la salute umana.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Ventotene e il dissalatore: l’editoriale di Pecoraro Scanio