Sigarette elettroniche: San Francisco le mette al bando

Sigarette elettroniche: San Francisco le mette al bando

Fonte immagine: Pixabay

Messa al bando della sigaretta elettronica a San Francisco, negli USA, per il timore di danni alla salute e per l'estrema diffusione tra i giovani.

San Francisco sarà la prima grande città degli Stati Uniti a mettere al bando le sigarette elettroniche. A comunicarlo la stessa amministrazione locale, che ha sottolineato l’importanza del provvedimento per la tutela della salute pubblica e nell’ottica di argine alle diffusione degli apparecchi per lo svapo tra gli adolescenti e i giovanissimi.

Secondo quanto affermato dalle autorità di San Francisco i crescenti timori per la salute pubblica legati alla sigaretta elettronica hanno portato a nuove regolamentazioni da parte dell’FDA (Food and Drug Administration). Tuttavia al momento nessun prodotto ha ottenuto il via libera dell’ente. Proprio per questo nella città del Golden Gate Bridge e della prigione di Alcatraz si è deciso per la messa al bando.

Il ricorso allo svapo avrebbe compromesso anche i risultati ottenuti in anni di campagne anti-fumo, con 1,8 milioni di giovani statunitensi che hanno iniziato (nel solo 2018) a svapare liquidi contenenti nicotina. L’ordinanza dovrebbe essere ratificata entro 10 giorni, assicura la sindaca democratica London Nicole Breed.

Proprio la lotta all’estrema diffusione di e-cig tra gli adolescenti è alla base del nuovo provvedimento, con le autorità di San Francisco preoccupate dei possibili danni al cervello dei minori provocati dall’assunzione di nicotina. Timori espressi anche per le conseguenze a lungo termine, con lo sviluppo di dipendenza dalla sostanza considerato precursore di ulteriori abusi (ad esempio quello da farmaci).

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La via della leggerezza: intervista a Franco Berrino e Daniel Lumera