• GreenStyle
  • Salute
  • Sigarette elettroniche: salgono a sei le morti sospette negli USA

Sigarette elettroniche: salgono a sei le morti sospette negli USA

Sigarette elettroniche: salgono a sei le morti sospette negli USA

Fonte immagine: iStock

Sigarette elettroniche ancora al centro delle polemiche dopo la sesta morte sospetta negli USA per possibile utilizzo di liquidi non a norma.

Sale il bilancio delle morti USA forse legate all’utilizzo di sigarette elettroniche. La sesta vittima è un cinquantacinquenne del Kansas, i cui problemi respiratori sembrerebbero derivati o aggravati dal ricorso alle e-cig. Stando a quanto affermato dal Dipartimento per la Salute statunitense sono ancora circa 450 i casi sotto esame per possibili danni legati allo svapo.

Problemi respiratori che si sospetta legati alla sigaretta elettronica anche per 12 pazienti, attualmente ricoverati in ospedale nella sola Los Angeles. I sintomi che accomunano i vari malati e le vittime sembra siano tosse, vomito, febbre, dolori al torace e mal di testa.

Le autorità sanitarie statunitense proseguono le loro indagini per identificare con precisione quali siano le sostanze responsabili del disturbo. I sospetti principali della Food and Drug Administration (FDA) sono rivolti ora sulla possibile aggiunta di olio di marijuana ai normali liquidi di svapo con la conseguente produzione, durante la vaporizzazione, di un derivato della vitamina E denominato “Vitamina E acetato” (tossico se inalato).

Tra i sospetti della autorità statunitensi vi sarebbe anche la possibilità che si tratti di liquidi illegali o alterati successivamente. Un recentissimo studio della University of North Carolina indica inoltre le sigarette elettroniche come potenzialmente in grado di ridurre la fertilità femminile.

Secondo il Baylor College of Medicine di Houston lo svapo provocherebbe invece un accumulo anomalo di grasso all’interno dei polmoni che ne comprometterebbe le difese immunitarie, con la conseguenza di esporli a un maggiore rischio di patologie infettive.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Crema viso antirughe fai da te