Sicilia, Molise e Urbino mete 2020 da non perdere secondo il NY Times

Sicilia, Molise e Urbino mete 2020 da non perdere secondo il NY Times

Sicilia, Molise e Urbino sono state inserite dal New York Times tra le mete imperdibili per i viaggi 2020.

C’è anche un po’ di Italia tra le mete 2020 da non perdere secondo il New York Times. Due Regioni italiane e una tra le città d’arte delle Marche sono entrate nella lista: la Sicilia, il Molise e Urbino. Queste località faranno compagnia ad alcune tra le città e i Paesi più richiesti dell’anno in corso, inclusa Tokyo (sede delle Olimpiadi che si svolgeranno in estate).

Diverse le motivazioni che hanno portato il NY Times a inserire le varie destinazioni nella speciale classifica dei viaggi 2020. Se Tokyo è entrata di diritto per la sua bellezza e per il fatto che ospiterà le Olimpiadi, le Bahamas vengono raccomandate sia per lo spettacolare patrimonio naturale che per sostenere la ricostruzione del Paese dopo le devastazioni provocate dall’uragano Dorian. Senza dimenticare la Groenlandia, segnalata dalla redazione statunitense per i suoi ghiacciai, messi a rischio sopravvivenza dai cambiamenti climatici.

Sostenibilità, attenzione e storia si mescolano tra i criteri adottati per stilare la lista. Nella quale figura come detto anche la Sicilia, capace di rinnovare la sua offerta puntando sul turismo sostenibile, sulle sue tradizioni enogastronomiche e su attrazioni naturali come i vulcani Etna o Stromboli.

La scelta del Molise oscilla tra il serio e l’irriverente, giocando un po’ sull’ironia, con lo stesso periodico invita a non sentirsi in imbarazzo qualora non si fosse mai sentito parlare di questa Regione. Tuttavia si sottolinea la possibilità di scegliere questa Regione come meta 2020 per il suo essere “tradizionale e incontaminata” al tempo stesso, con coste pulite, aree archeologiche (vedi Saepinum) e il cammino della transumanza (inserito lo scorso anno tra i patrimoni UNESCO).

Ultima, ma soltanto in ordine Urbino. Fino al 19 gennaio 2020 una mostra presso la Galleria Nazionale delle Marche celebrerà i 500 anni della morte di Raffaello, mentre la città marchigiana si conferma capitale del libro e vero e proprio luogo culto per gli amanti del jazz. In più, conclude il Times, questa città “ha tutto quello che ha la Toscana, ma alla metà del prezzo e con la metà dei turisti”.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Una spiaggia riscaldata per prendere il sole in inverno