Shampoo solido fatto in casa: ingredienti e preparazione

Shampoo solido fatto in casa: ingredienti e preparazione

Fonte immagine: Istock

Lo shampoo solido è una comoda soluzione al problema della pulizia dei capelli in viaggio: ecco come produrlo fatto in casa.

Avete mai provato lo shampoo solido? Il grande vantaggio è che oltre ad essere comodo in viaggio, non inquina ed è assolutamente amico dell’ambiente. Una volta risolto il dilemma su quando usarlo, il resto della strada è tutta in discesa. Proprio perché bio e antispreco è molto amato dagli amici dell’ambiente e ne esistono tantissime ricette e procedure per produrlo in casa. Noi qui vi proponiamo la nostra preferita che garantisce un risultato brillante per il capello in termini di nutrizione e di profumo.

Shampoo solido fatto in casa: ingredienti e preparazione

Shampoo solido: preparazione
Fonte: Istock

Lo shampoo solido è un prodotto cosmetico formulato come uno shampoo tradizionale, ma senza acqua: è molto amato perché consente di evitare l’uso di plastica per il suo confezionamento e di ottenere un prodotto efficace quanto lo shampoo liquido ma estremamente più comodo, semplice da utilizzare ed economico. Molto pratico per chi viaggia e ha a disposizione poco tempo da dedicare alla cura del capello. Ecco una ricetta per produrne uno stock buono e bio.

Ingredienti

  • 15 ml di acqua distillata;
  • 50 ml di olii essenziali;
  • 300 g di burro di cocco;
  • 275 ml di olio di oliva;
  • 200 ml di olio di ricino;
  • 150 ml di Liscivia.

Preparazione

Prima di iniziare la preparazione dello shampoo solido munitevi di protezioni (guanti e mascherina); preparante diversi recipienti sterilizzati e iniziate versando l’acqua distillata in una ciotola di vetro e aggiungete gradualmente la liscivia. Si tratta di una fase delicata e alla quale dovete dedicare molta attenzione e precisione. Mescolate il tutto: il composto comincerà a riscaldarsi. Aggiungete olio di ricino, olio di oliva e il burro di cocco (nel caso in cui non vi piaccia, sostituitelo con il burro di avocado). Quando il composto avrà raggiunto una temperatura di 100 °C, frullatelo e aggiungete un paio di olii essenziali selezionati in precedenza. Prendete uno stampo per sapone in silicone e versatevi il composto, poi lasciate riposare per una giornata, coprendo la superficie con un panno o un asciugamano. Rimuovete lo shampoo solido dalla forma e ricavatene dei pezzi più piccoli. Il vostro composto avrà bisogno di riposare circa un mese prima di essere utilizzato.

Shampoo solido: quali sono gli svantaggi?

I vantaggi di un buono shampoo solido li conoscono tutti: grazie al formato solido questo tipo di shampoo risulta molto comodo da utilizzare e pratico da trasportare durante i viaggi. In più nella doccia o in valigia occupa poco spazio, non c’è il rischio che si rovesci o che si sprechi prodotto, e chi viaggia in aereo può portarlo con sé senza alcun problema. Quali sono però gli svantaggi? Sono legati soprattutto al metodo di utilizzo e alla difficoltà di usare un prodotto in un formato diverso da quello cui siamo abituati. Per chi ha capelli con problematiche particolare, come nel caso dei capelli crespi, potrebbe dover faticare un po’ per trovare la marca giusta. Ecco perché è necessario fare diversi test monitorando la reazione del capello. Una volta provato, però, è una modalità di utilizzo davvero difficile da abbandonare per comodità, praticità e amore nei confronti dell’ambiente.

 

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Scrub mani e corpo fai da te