Shampoo antiforfora fai da te: cosa serve e ricetta

Shampoo antiforfora fai da te: cosa serve e ricetta

Fonte immagine: Istock

Lo shampoo antiforfora è un prodotto utilizzato per detergere capelli e cuoio capelluto affetto da piccolo problema di natura dermatologica. In commercio ne esistono tantissime varianti, dalle creme alle lozioni ma i più affidabili sono quelli biologici. Per garantire il massimo dell’efficacia, la scelta dello shampoo antiforfora dovrebbe essere effettuata in base al tipo di […]

Lo shampoo antiforfora è un prodotto utilizzato per detergere capelli e cuoio capelluto affetto da piccolo problema di natura dermatologica. In commercio ne esistono tantissime varianti, dalle creme alle lozioni ma i più affidabili sono quelli biologici. Per garantire il massimo dell’efficacia, la scelta dello shampoo antiforfora dovrebbe essere effettuata in base al tipo di forfora (grassa o secca) manifestata dall’individuo. Quando la forfora si manifesta in forma grave e i normali shampoo antiforfora non sono in grado di risolvere il problema, è bene rivolgersi al proprio dermatologo al fine di individuare quali sono le cause alla base del disturbo.

La forfora

Shampoo Antiforfora: preparazione
Fonte: Istock

La forfora, che può essere leggera, moderata o acuta, è molto frequente e colpisce tanto le donne quanto gli uomini per cui è importante conoscerla per sapere quale nemico combattere. Questa desquamazione eccessiva del cuoio capelluto può essere causata dalla colonizzazione di un lievito (un fungo) o da una condizione genetica innescata da fattori ambientali. Si presenta in modo evidente quando il cuoio capelluto viene ricoperto da un’abbondante desquamazione biancastra. Queste piccole scagliette, secche e perlate, altro non sono che residui di cellule morte, il cui ricambio avviene più rapidamente del normale. Questo eccessivo sfaldamento, chiamato forfora, è spesso accompagnato da prurito e da un fastidioso “effetto neve”, accentuato dalla pettinatura e dallo sfregamento dell’ epidermide. Per combatterla si utilizzano spesso alcuni tipi di shampoo. Come tutti questi prodotti, anche quello specifico per il trattamento della forfora è costituito da una base lavante composta da una serie di tensioattivi di diversa natura (anionici, anfoteri), cui si associano ingredienti attivi utili per contrastare il disturbo del cuoio capelluto in questione.

Shampoo antiforfora: preparazione

La base lavante contenuta in uno shampoo antiforfora deve avere alcuni dettagli specifici; deve svolgere una buona azione detergente ma in maniera delicata, in modo tale da non aggredire il cuoio capelluto che deve già subire l’attacco della forfora. Per produrre uno shampoo antiforfora affidabile esistono tantissime alternative:

  • Le ortiche: bisogna far bollire un cucchiaio di fiori d’ortica essiccati e lasciare in infusione per 10-15 minuti, poi applicarla al cuoio capelluto;
  • L’aceto: preparare un infuso con 200 ml di aceto di sidro, un rametto di rosmarino e una manciata di rametti e foglie di menta. Lasciate il composto fermo per almeno 7 giorni prima dell’uso;
  • L’uovo: è sufficiente massaggiare energicamente il cuoio capelluto con una miscela di tuorlo d’uovo e di albume montati prima separatamente. Dopo 10 minuti, risciacquate con acqua tiepida.
  • L’aloe vera: occorre applicare il gel di aloe vera mediante massaggi alla radice dei capelli oppure autoprodurre uno shampoo a base di succo di aloe.

Esistono tantissimi rimedi naturali contro la forfora in natura, soprattutto se il disturbo è ricorrente. L’olio di semi di lino, per esempio, è un validissimo aiuto, pur non essendo uno shampoo.Il suo utilizzo costante, in poche gocce, prima di qualsiasi detersione può contribuire ad alleviare e via via a diminuire il problema della forfora. L’olio di semi di lino si trova nei supermercati ma anche nelle profumerie, costa poco e aiuta a rendere anche i capelli più morbidi e forti.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Scrub mani e corpo fai da te