Servizi Ecosistemici: cosa sono

Servizi Ecosistemici: cosa sono

Fonte immagine: Pexels

Le definizione Servizi Ecosistemici è stata coniata in un rapporto del 2005, si riferisce ai "benefici multipli forniti dagli ecosistemi al genere umano".

Quando in ambito accademico si parla di “Servizi Ecosistemici“, si fa riferimento alle attività e alle materie prime offerte in modo gratuito dalla natura. In pratica, parliamo di beni e servizi che il capitale naturale mette a disposizione dell’umanità in un determinato periodo di tempo.

Per la precisione, la definizione Sevizi Ecosistemici risale al 2005, coniata dal rapporto “Millennium Ecosystem Assesment”, parla espressamente di “benefici multipli forniti dagli ecosistemi al genere umano”.

Il Millennium Ecosystem Assesment è un progetto di ricerca supportato dalle Nazioni Unite e partito nel 2001. L’obiettivo era identificare le conseguenze sul benessere umano dovute ad una modifica dell’ecosistema.

Il concetto di fondo è semplice: la questione ambientale, per quanto riguarda lo sfruttamento delle risorse e l’inquinamento prodotto, deve essere prioritaria rispetto a qualsiasi tipo di processo economico, e deve essere posta al centro delle strategie dei decisori (politici e non), in modo da preservare il ruolo svolto dagli ecosistemi.

Lo studio, incentrato sull’importanza dei legami tra ecosistemi e benessere umano, mescola e utilizza i dati provenienti da da 4 grosse Convenzioni internazionali che si occupano di biodiversità: la Convezione sulla Diversità Biologica, la Convenzione delle Nazioni Unite sulla lotta alla Desertificazione, la Convenzione Ramsar a tutela delle Zone Umide e la Convenzione sulle Specie Migratorie.

Cosa si intende per benessere

Forse è il caso di specificare il termine benessere, per capire come può essere influenzato dalle modifiche apportate ad un determinato ecosistema.

Con benessere viene indicato tutto ciò di cui l’uomo necessita per vivere una vita dignitosa, come ad esempio la possibilità di avere mezzi di assistenza adeguati, cibo a sufficienza, un’abitazione, e così via. Particolare importanza viene posta anche ad aspetti che vanno oltre i beni materiali in possesso. La salute, ad esempio, concepita come il sentirsi bene e avere un ambiente sano di cui godere (aria pulita, acqua potabile, ecc.) sono elementi di rilievo.
Hanno la capacità di incidere sulla valutazione del benessere anche le relazioni sociali (coesione sociale, rispetto reciproco, integrazione in una comunità), la sicurezza (riguardante sia quella privata che quella relativa ai disastri naturali) e la libertà di scelta e di poter perseguire i propri ideali.

Quali sono questi “benefici multipli”?

I Servizi offerti dal capitale naturale sono di quattro tipi: Servizi di Provvigione, Servizi di Regolazione, Servizi Culturali, Servizi di Supporto.

Vediamo nel dettaglio quali funzioni svolgono:

Servizi di Provvigione

Cibo: il cibo proviene principalmente dal settore agroalimentare, dai sistemi marini e dalle foreste.
Materie prime: materie per costruzione di infrastrutture e per scopi energetici come legno, biocarburanti e oli selvatici.
Acqua dolce: gli ecosistemi regolano il flusso e la depurazione delle acque.
Risorse medicinali: la biodiversità fornisce molte piante utilizzate nella medicina tradizionale, tutti gli ecosistemi sono potenziale fonte di risorse medicinali.

Servizi di Regolazione

Clima e Qualità dell’Aria: gli alberi forniscono ombra e le foreste influenzano precipitazioni e la disponibilità di acqua sia a livello locale che regionale. Alberi e piante sono fondamentali per la rimozione delle sostanze inquinanti dall’atmosfera.
Stoccaggio dei Gas Serra: gli ecosistemi regolano il clima globale attraverso lo stoccaggio dei gas serra. Le foreste possono essere viste anche come riserve di carbonio e la biodiversità ha un ruolo fondamentale per l’adattamento al cambiamento climatico.
Protezione dagli eventi estremi: gli ecosistemi e gli organismi ci proteggono dalle calamità naturali: inondazioni, tempeste, tsunami, valanghe, frane…
Trattamento delle acque reflue: attraverso l’attività biologica gli ecosistemi (ad esempio le le zone umide filtrano rifiuti umani e animali) eliminano agenti patogeni causa di malattie.
Prevenzione dall’Erosione: l’erosione è un fattore chiave nel processo di degrado del suolo, la fertilità è essenziale per la crescita delle piante.
Impollinazione: insetti e vento impollinano gli alberi, processo essenziale per lo sviluppo di frutta, semi e verdure.
Controllo Biologico: gli ecosistemi regolano la presenza di parassiti e le trasmissione di malattie a piante, animali e persone

Servizi Culturali

Attività Ricreative: camminare e fare sport in uno spazio verde non è solo una buon esercizio fisico ma anche mentale. Nonostante sia difficile attribuire un valore a questo beneficio, di sicuro svolge un ruolo fondamentale il fisico e la mente.
Turismo: ecosistemi e biodiversità orientano i flussi turistici, la cosa ha importanti risvolti economici.
Ispirazione Culturale: linguaggio, conoscenza e ambiente sono fortemente legati nella storia umana. Biodiversità, paesaggi e ecosistemi sono stati e sono fonte di ispirazione per le discipline.
Religione e Senso di Appartenenza: foreste, grotte, montagne, in molti luoghi sono considerate sacre ed hanno un significato religioso. La nature è elemento comune di tutte le Religioni, le tradizioni associate alla natura danno un senso di appartenenza

Servizi di Supporto

Habitat: è l’insieme degli elementi che servono ad una specie per sopravvivere, ogni ecosistema offre diversi tipi di habitat.
Diversità Genetica: la diversità genetica distingue le razze tra loro, alcuni habitat hanno un numero elevato di specie noti come “biodiversity hotspots”.

Il bisogno di dividere i singoli benefici offerti dagli ecosistemi nasce dall’esigenza di capire come questi vengono modificati dall’attività antropica. Lo sfruttamento degli ecosistemi sta causando significativi danni alle persone, il Millennium Ecosystem Assesment individua 3 grosse problematiche, capaci di influenzarsi a vicenda:

  • circa il 60% dei servizi ecosistemici esaminati (15 su 24) sono oggetto di degrado perché utilizzati in modo non sostenibile. I servizi analizzati vanno dalla qualità delle acque alla purificazione dell’aria, dalla regolazione del clima ai rischi naturali;
  • i cambiamenti che stanno avvenendo all’interno di determinati ecosistemi aumentano la probabilità di mutazione di altri ecosistemi a loro connessi;
  • la diminuzione della capacità di un ecosistema di offrire beni e servizi incide in misura sproporzionata sui poveri, facendo aumentare ancora di più la disuguaglianza tra gruppi di persone. Il dato non è da sottovalutare, l’elemento di disparità è uno tra i principali motivi che creano conflitti sociali.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella