Seeds&Chips: Global Food Innovation Summit, dal 6 al 9 maggio a Milano

Seeds&Chips: Global Food Innovation Summit, dal 6 al 9 maggio a Milano

Si svolgerà dal 6 al 9 maggio presso FieraMilano-Rho la quinta edizione del Global Food Innovation Summit.

Torna dal 6 al 9 maggio 2019 l’appuntamento con Seeds&Chips, il Global Food Innovation Summit. Quinta edizione per l’evento, che andrà in scena presso i padiglioni 8 e 12 di FieraMilano Rho e che vedrà la partecipazione di diversi speaker internazionali tra cui Alec Baldwin, Kerry Kennedy, Maria Helena Semedo, Olusegun Obasanjo, il ministro per lo Sviluppo Economico italiano Luigi Di Maio, quello per Politiche Agricole Gian Marco Centinaio, Rajiv Shah, Susan Rockefeller, Walter Robb e Rocky Dawuni.

All’interno di un sempre più internazionale Global Food Innovation Summit spazio a una autorevole rappresentanza dell’Africa con la presenza di Sarah Mbi Enow Anyang Agbor, Commissaria per le risorse umane, la scienza e la tecnologia dell’Unione Africana, Olusegun Obasanjo, ex Presidente della Nigeria. Saranno presenti anche i rappresentanti del Forum dei Re, l’organizzazione che riunisce Principi, Sceicchi e leader dei Paesi africani attorno ai temi della pace, dello sviluppo economico e della cooperazione socio-culturale: Re Munongo Mwenda, Bayeke Kingdom della Repubblica Democratica del Congo; Re Fiti V, Aflao Kingdom, Ghana; Re Tchikaya, Loango Kingdom, Congo; Re Bajan, Touareg, Mali; Re Mumia, Wanga Kingdom, Kenya.

TRa i presenti al Global Food Innovation Summit anche imprenditori, innovatori e investitori. Seeds&Chips si svolgerà nell’ambito di Milano Food City e in concomitanza con TUTTOFOOD. Ha commentato Marco Gualtieri, presidente e fondatore del Summit:

Siamo consapevoli che i grandi temi che affrontiamo, dal cibo alla salute, saranno al centro di un confronto globale, senza distinzioni anagrafiche o geografiche, di interesse per più di 7 miliardi di persone. I giovani e i leader da tutto il mondo discuteranno del futuro del cibo e quindi del pianeta, in un format ormai consolidato, uniti dagli obiettivi posti dai Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite (SDGs).

Inoltre, nel corso dell’anno abbiamo svolto un lavoro straordinario in Africa, un territorio magnifico che non può e non deve stare fuori dal dibattito sul futuro del cibo: le economie occidentali e quelle del continente africano devono interagire per valorizzare al meglio il potenziale umano dell’Africa, ovvero il continente più giovane del pianeta quanto a età anagrafica della popolazione. Non si può parlare del futuro del cibo senza avere l’Africa seduta al tavolo della discussione.

Come ha aggiunto Alan Christian Rizzi, sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia con delega ai rapporti con le delegazioni internazionali:

Seeds&Chips contribuisce a tenere alto il livello del confronto sulle tematiche emerse durante Expo Milano 2015, rappresentandone, dunque, la naturale evoluzione. Food security e food safety, lotta allo spreco alimentare, sostenibilità del mondo agricolo: questi sono temi che la nostra Giunta regionale vuole affrontare con serietà e urgenza.

Ben vengano dunque manifestazioni come Seeds&Chips che stimolano il dibattito attraverso il coinvolgimento di autorevoli esponenti provenienti da tutto il mondo. La Lombardia è la prima Regione agricola d’Italia e territorio di grande tradizione culinaria ed enogastronomica, con decine di prodotti certificati. La crescita e la prosperità del settore agroalimentare non possono, tuttavia, prescindere da elementi quali l’innovazione e la ricerca, oggi fondamentali per competere in un mercato sempre più agguerrito. Il connubio tra agroalimentare, ricerca e impresa in Lombardia è molto forte.

Ne è un esempio il Cluster di Alta Tecnologia Agrofood Lombardia, che crea sinergie tra alcune delle maggiori Università, grandi imprese, PMI e realtà della ricerca lombarda per esplorare le nuove possibilità dell’agritech e dell’industria 4.0. Il capoluogo lombardo ospita inoltre il 10% delle startup del settore food d’Italia, mentre il’8,5% è presente nel territorio di Bergamo. Questi sono gli elementi che vogliamo valorizzare e sviluppare.

Coinvolti nel fitto programma di eventi di Seeds&Chips anche molti giovani innovatori, divisi in Teenovator (tra i 13 e i 19 anni d’età) e Young Pioneer (tra i 20 e i 25 anni), che presenteranno le loro idee. Nuove generazioni progragoniste anche attraverso la partecipazione a ogni incontro di almeno uno speaker “under 30” e il format “Give Me 5!“, al cui interno gli “startupper” potranno presentare i loro progetti e trarre ispirazione dai consigli degli esperti.

All’interno di Seeds&Chips anche un’ampia area espositiva destinata ad aziende, startup, incubatori oltre a padiglioni nazionali con le novità in arrivo da Francia, Olanda, Australia, San Marino, Israele, Slovenia e una macro-zona dedicata interamente all’Africa. Qui verrà lanciato il progetto FIHNK (Food Innovation Hub Network) realizzato dalla neonata Seeds&Chips Foundation:

Attraverso una call pubblico/privato internazionale ha l’obiettivo di creare, da qui al 2030, 10 Food Innovation Hub in altrettanti Paesi africani. Gli hub saranno piattaforme per la connessione dei numerosi e vari attori che lavorano nel sistema alimentare (innovatori, agricoltori, investitori, fondazioni, aziende pubbliche e private, ONG, istituzioni); luoghi di ricerca in laboratorio e sul campo per la scoperta, la creazione e l’uso delle tecnologie più avanzate; spazi per sperimentare soluzioni e generare business sostenibili.

Di particolare rilevanza la presenza dell’Australia, dove Seeds&Chips debutterà dal 3 al 5 settembre a Melbourne con un’edizione locale. A disposizione dei visitatori anche una serie di spazi interattivi: Smart Home, Smart Farm e The Future Market. Infine grande attenzione verso gli SDGs, obiettivi e traguardi fondamentali di sviluppo sostenibile, da attuare entro il 2030 a cui sarà dedicato un intero padiglione.

Novità di quest’anno Sustain&Ability, la sister company di Seeds&Chips dedicata alla “promozione, valorizzazione e realizzazione degli SDGs” attraverso iniziative, format e servizi: tra questi il nuovo progetto “Goals on Tour”, con Seeds&Chips che rappresenterà la prima tappa di un tour mondiale di 16 container personalizzati con i colori dei singoli goal. Verrà inoltre lanciata, in partnership con Bayer, una Open Call rivolta ai ragazzi under 30 per la promozione di idee e progetti legati agli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Nella giornata del 6 maggio spazio alla presentazione del Manifesto di HOM (Humans of the Mediterranean), progetto in collaborazione con FederPesca per sensibilizzare i cittadini e proteggere il Mediterraneo dalla plastica. Il Global Food Innovation Summit ospiterà anche “Broken Nature: Design Takes on Human Survival“, mostra tematica dedicata ai legami che uniscono gli uomini all’ambiente naturale, resa possibile grazie alla collaborazione con La Triennale di Milano e Paola Antonelli, curatrice dell’Esposizione internazionale.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Bruno Barbieri