• GreenStyle
  • Salute
  • Scottature solari: alcuni cibi aumentano il rischio, ecco quali

Scottature solari: alcuni cibi aumentano il rischio, ecco quali

Scottature solari: alcuni cibi aumentano il rischio, ecco quali

Fonte immagine: Freepik

Si tratta degli alimenti che contengono furanocumarina, sostanza prodotta da alcune tipologie di piante in grado di aumentare la sensibilità ai raggi UV.

Per evitare le scottature e proteggere la pelle esposta al sole non è sufficiente applicare la crema solare. Bisogna fare attenzione anche a ciò che si mangia. Alcuni cibi sono in grado di aumentare la sensibilità ai raggi UV e aggravare così il rischio di incorrere nelle fastidiose e poco salutari bruciature.

Come rivela il dermatologo dell’Università di Alberta Robert Gniadecki in un articolo apparso su Folio, pubblicazione online dell’ateneo, la “colpa” è di alcuni alimenti contengono una sostanza nota con il nome di furanocumarina. Si tratta di una sostanza organica naturale, prodotta da alcune tipologie di piante, che è appunto in grado di aumentare la sensibilità della cute umana ai raggi ultravioletti.

La furanocumarina è contenuta in cibi come il lime, alcune varietà di carote, il sedano e l’aneto. Il primo è conosciuto in modo particolare negli Stati Uniti come causa della “scottatura da Margarita”, come spiega ancora lo scienziato:

Quando il lime contenuto nel famoso cocktail entra in contatto con la pelle può reagire con i raggi solari e causare una fitofotodermatite. È tutto un divertimento in spiaggia, fino a quando il lime contenuto nel Margarita, reagendo con i raggi solari, non rovina la festa venendo in contatto con la pelle, perché il liquido gocciola o ci si schizza accidentalmente.

A proposito di abbronzatura, l’esperto sottolinea inoltre di stare attenti ai cambiamenti meteorologici imprevisti e alle concentrazioni della luce ultravioletta, molto più alte quando siamo in acqua o stesi sulla sabbia. La prima riflette il 25% in più di ultravioletti rispetto all’erba, mentre la seconda si aggira intorno al 15-20%.

Gniadecki mette anche in guardia dai prodotti solari che contengono oxybenzone, un composto organico che può essere dannoso per la salute quando assorbito attraverso la pelle. Secondo le sue indicazioni per una protezione ottimale bisogna applicare sulla pelle una quantità di crema sufficiente a creare una patina lucida. Nel caso si utilizzi un prodotto contenente titanio o ossido di zinco dovrebbe essere visibile un sottilissimo strato bianco. Infine, in caso di scottature, lo scienziato sconsiglia di evitare alcuni rimedi casalinghi per alleviare il dolore:

Se ci si scotta niente rimedi casalinghi come lo yogurt o peggio fette di limone sulla pelle, che potrebbero essere dannosi.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La Mobilità si fa in 4, l’iniziativa di Arval per le scuole