Scooter sharing elettrico: Cityscoot, servizio al via a Roma

Scooter sharing elettrico: Cityscoot, servizio al via a Roma

Fonte immagine: Cityscoot

Al via a Roma lo scooter sharing elettrico a flusso libero Cityscoot: tariffe, servizi e altre informazioni utili.

Al via ufficiale a Roma il servizio di scooter sharing a flusso libero ed emissioni zero Ciytyscoot. Con una flotta iniziale di 200 veicoli, destinata ad aumentare progressivamente (fino a 1000) nei prossimi mesi, il servizio sarà attivo nel Centro ed esteso alle aree di Ponte Milvio, Circo Massimo e Re di Roma. A una fase iniziale di test, gratuita, seguirà ora l’attivazione del noleggio a pagamento vero e proprio. Lo sbarco nella Capitale segue quelli di Parigi, Nizza e Milano.

Cityscoot punta a collaborare in maniera attiva e a stretto contatto con l’amministrazione di Virginia Raggi, come già fatto con le autorità locali delle altre città coinvolte. Come ha sottolineato la sindaca di Roma, in riferimento allo scooter sharing Cityscoot:

È un nuovo servizio di scooter sharing elettrico a disposizione della città: ampliamo la rete di mezzi completamente eco-sostenibili grazie all’ingresso di nuovi operatori. Roma si dimostra ancora una volta polo attrattivo per le imprese che vogliono investire sul territorio. La mobilità elettrica e condivisa rappresenta il futuro delle nostre città e rappresenta una sfida che come Roma Capitale abbiamo deciso di cogliere. Con Cityscoot stiamo arricchendo l’offerta di mezzi agili, veloci ed ecologici per cittadini e turisti. È un servizio che ha già ottenuto un ottimo riscontro da parte degli utenti e guardiamo con favore a una sua espansione su tutto il territorio capitolino.

Da un punto di vista prettamente tecnico lo scooter elettrico condiviso potrà viaggiare a una velocità massima di 45 chilometri orari, al di fine di garantire un più sicuro utilizzo urbano. È dotato di un motore elettrico molto silenzioso e di servizi che lo rendono un mezzo più che mai connesso: non avrà bisogno né di chiavi, né carte di credito o terminali di ricarica.

Per conoscere la posizione dello scooter elettrico Cityscoot più vicino basterà scarica l’app dedicata sul proprio smartphone (sia Android che iOS). La stessa applicazione permetterà inoltre di verificare il livello di carica della batteria e di prenotarlo in maniera gratuita per 10 minuti, così da poterlo raggiungere in tranquillità. Lo sblocco del mezzo (con il contemporaneo avvio del noleggio effettivo) potrà avvenire tramite telefono o attraverso il display dello scooter.

Per quanto riguarda invece i costi il noleggio dello scooter elettrico Cityscoot avrà una tariffa di 0,29 euro al minuto. Possibile anche acquistare il pacchetto “CityRider”, che al prezzo di 22 euro includerà 100 minuti di noleggio. Previsto anche un programma fedeltà per l’accumulo di minuti gratuiti, accreditati direttamente attraverso l’app a partire dal mese seguente. Non è previsto alcun abbonamento al servizio, si pagheranno soltanto gli effettivi minuti di utilizzo.

Il servizio di scooter sharing elettrico a flusso libero Cityscoot sarà attivo 7 giorni su 7 per 24 ore al giorno. I mezzi potranno essere guidati anche al di fuori della “Zona Cityscoot”, purché vengano riconsegnati entro i confini stabiliti. La ricarica della batteria non sarà a carico dell’utente: quando a livelli troppo bassi un team Cityscooter (attivo tutti i giorni 24 ore su 24) interverrà per ripristinare la carica.

Cityscoot avvierà anche iniziative per una maggiore sicurezza stradale. Gli utenti che al momento dell’iscrizione al servizio dichiareranno di non possedere particolare esperienza alla guida di uno scooter potranno usufruire di una lezione di guida gratuita svolta da istruttori qualificati, che forniranno conoscenze tecniche e permetteranno di acquisire una certa padronanza con il mezzo. In base a un’accordo stretto con Allianz gli utenti saranno coperti durante tutta la durata del noleggio in caso di danni subiti o di danni involontari a terzi o a cose. Ha dichiarato Gianni Galluccio, General Manager Cityscoot Italia:

Siamo convinti che il futuro della mobilità urbana non possa essere che a ‘0 emissioni’ e ‘0 rumore’ e crediamo che questo rappresenti un enorme valore per una città come Roma, in cui il traffico è un tema molto complesso. Intendiamo collaborare fattivamente con l’amministrazione comunale perché Cityscoot rappresenti un’alternativa valida per muoversi nel traffico del Capitale, in modo agile e veloce, ma sostenibile ed ecologico. Lavoreremo a stretto contatto per espandere progressivamente la ‘Zona Cityscoot’ e offrire un servizio sempre migliore.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

NIU a EICMA 2017: intervista a Token Hu