Scioperi per il clima, anche idealo in piazza per l’ambiente

Scioperi per il clima, anche idealo in piazza per l’ambiente

Idealo in piazza per l'ambiente in occasione degli scioperi per il clima: ne abbiamo parlato in un'intervista con Fabio Plebani.

Ha preso il via oggi lo sciopero di una settimana per il clima nell’ambito del progetto #FridaysForFuture. Tantissimi sono scesi e scenderanno nelle piazze di tutto il mondo per gridare a gran voce che la crisi climatica sta arrivando e che bisogna far il possibile per fermarla.

Proprio il possibile per il clima cerca di farlo idealo, il portale di comparazione prezzi leader in Europa, che il 20 settembre non solo porterà tutti i dipendenti in piazza a manifestare per una politica volta a una maggiore tutela ambientale, ma che renderà anche offline il proprio sito Internet negli orari dello sciopero in una presa di posizione volta a dimostrare come tutti noi, anche se nel nostro piccolo, possiamo fare la differenza. Di questa iniziativa ne abbiamo parlato con Fabio Plebani, il Country Manager di idealo per l’Italia (www.idealo.it).

La vostra è un’iniziativa assolutamente meritevole: avete avuto solidarietà da parte di altre aziende?

Grazie mille. Sì, abbiamo avuto un grande riscontro anche grazie all’impegno in prima persona del nostro fondatore Albrecht von Sonntag, che in questi giorni ha contattato oltre cento imprenditori.

La messa offline del sito per qualche ora è simbolo di un comportamento che privilegia l’attenzione per l’ambiente piuttosto che per il fatturato. Secondo voi come reagiranno gli utenti che nel corso delle ore di sciopero proveranno a visitare idealo?

Il nostro obiettivo è quello di informare il maggior numero di utenti possibile perché è necessaria una presa di posizione importante per far fronte al cambiamento climatico. Considerando che il nostro portale internazionale attira giornalmente milioni di visitatori, speriamo di stimolare gli utenti, ma anche altre aziende a far lo stesso. Vorremmo essere anche di ispirazione per altre realtà, quindi in più siamo a far sentire la nostra voce e meglio è.

Considerato che la comparazione prezzi dà i maggiori vantaggi nel lungo periodo siamo certi che l’essere offline solo per poche ore non creerà alcun disagio, anzi, speriamo che tutti gli utenti di idealo non siano online, ma siano in piazza a manifestare per il clima. Gli utenti affezionati di idealo sanno che la nostra azienda è da sempre attenta ai temi dell’ambiente: il nostro sciopero è la logica conseguenza del nostro agire e coerente con i nostri valori.

Il tema dell’eco-sostenibilità e dell’attenzione verso il Pianeta è ormai di discussione quotidiana, pensate che l’attenzione in Italia sia alta come negli altri Paesi? Negli Stati nei quali idealo è presente e in base anche alle ricerche degli utenti potete delineare un Paese più eco-friendly degli altri?

Direi che tutti i Paesi nei quali è presente idealo, vedi Italia, Germania, Francia, Spagna, Regno Unito e Austria, mostrano un’eguale attenzione al green. Anche l’Italia stessa, che prima veniva considerata poco attenta a queste tematiche, nell’ultimo periodo ha dimostrato grande consapevolezza e maturità, merito anche delle campagne degli ultimi mesi.

Pochi mesi fa abbiamo realizzato un sondaggio proprio in Italia che ha rilevato come il 70,3% del campione di intervistati sia assolutamente disponibile a spendere di più per acquistare un prodotto eco-sostenibile e quindi attento all’ambiente. Questa percentuale sale al 78,3% se consideriamo i giovani tra 18 e 24 anni. Questi risultati ci hanno fatto tantissimo piacere.

Lo sciopero del 20 Settembre fa capire la vostra attenzione nei confronti dell’ambiente. Come azienda adottate particolari politiche green?

Si, certo. L’aderire allo sciopero di venerdì riflette proprio quella che è l’attenzione di idealo nei confronti dell’ambiente. Ormai da diversi anni idealo attua misure per la riduzione delle emissioni di gas serra e dal 2019 siamo completamente ad impatto zero dal punto di vista climatico. La nostra sede nel quartiere Kreuzberg di Berlino, così come il centro dati di Norimberga, viene gestita al 100% con elettricità verde. Inoltre da diversi anni è attivo un Green Team nell’azienda, con numerose iniziative ecologiche, e due volte alla settimana i dipendenti possono usufruire di un catering vegetariano/vegano con prodotti bio e regionali.

Avete in mente progetti futuri, magari per i dipendenti o per la sede di Berlino, volti a rafforzare ulteriormente il vostro impegno in talo senso?

Certamente, crediamo che non ci si debba mai fermare nel migliorarsi e infatti siamo sempre impegnati a capire come poter essere ancora più green ed eco-sostenibili. Per il futuro prevediamo di attuare diverse iniziative a favore dell’ambiente e per compensare la CO2 prodotta dai dipendenti. Alcuni di questi progetti verranno presentati proprio il 20 settembre.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Un time lapse mostra come l’uomo sta distruggendo la Terra