• GreenStyle
  • Consumi
  • Scarpe da plastica degli oceani: Adidas presenta le UltraBOOST Parley

Scarpe da plastica degli oceani: Adidas presenta le UltraBOOST Parley

Scarpe da plastica degli oceani: Adidas presenta le UltraBOOST Parley

Fonte immagine: assente

Adidas e Parley lanciano la nuova colorazione Deep Blue per le loro scarpe realizzate con la plastica sottratta agli oceani.

Adidas conferma il suo impegno nel realizzare scarpe dalla plastica recuperata dagli oceani. L’azienda ha lanciato in questi giorni UltraBOOST Parley Deep Ocean Blue, nella nuova colorazione ispirata alla Fossa delle Marianne, calzature realizzate grazie al riciclo di circa 11 bottiglie di plastica (raccolte sulle spiagge e presso le località costiere) che altrimenti avrebbero rischiato di finire in mare.

La nuova UltraBOOST Parley Deep Ocean Blue sarà inoltre la scarpa ufficiale dell’evento globale “Run For The Oceans 2018”, ideato da Adidas e Parley per contrastare l’inquinamento degli oceani, soprattutto quello causato dalla plastica. La manifestazione si terrà dall’8 giugno all’8 luglio.

La scarpa può contare sul materiale Parley Ocean Plastic, ottenuto dalla plastici riciclata dai rifiuti presenti sulle spiagge, rilavorati per comporre la tomaia Primeknit. A questo si aggiunge la tecnologia BOOST di Adidas e una suola in gomma naturale Continental.

Presente nella scarpa destra anche un chip NFC, che consente di ottenere maggiori informazioni sulla partnership tra Adidas e Parley e di imparare a ridurre l’uso della plastica nella vita di tutti i giorni. Come ha sottolineato Matthias Amm, Product Category Director – Adidas Running:

La nuova silhouette UltraBOOST rappresenta un’altra tappa storica nella partnership a lungo termine con Parley for the Oceans. Insieme trasformiamo una minaccia in una risorsa e continueremo a farlo investendo in innovazioni ecologiche nel lungo periodo. Con il movimento Run for the Oceans, ci auguriamo di incoraggiare i patiti del running a schierarsi al nostro fianco nella battaglia contro l’inquinamento degli oceani: ogni chilometro può fare la differenza.

Seguici anche sui canali social