• GreenStyle
  • Pets
  • San Bernardo salvato in alta montagna: intervento di 5 ore

San Bernardo salvato in alta montagna: intervento di 5 ore

San Bernardo salvato in alta montagna: intervento di 5 ore

Fonte immagine: Unsplash

Un San Bernardo è stato soccorso dopo un'escursione in alta montagna: la squadra di recupero ha impiegato 5 ore di lavoro per riportarlo a valle.

Un San Bernardo è stato salvato in alta montagna, dopo un intervento di cinque ore. E all’arrivo dei soccorritori il quadrupede si è dimostrato a dir poco “imbarazzato”, forse per aver tradito le aspettative della sua razza. È la storia a lieto fine che proviene dall’Inghilterra, dove l’animale è stato salvato dopo una lunga e stancante escursione.

Il cane in questione – una femmina di 54 chilogrammi di peso – si chiama Daisy. L’esemplare è divenuto immediatamente virale sui social network, per la sua insolita impresa. Anziché confermare le caratteristiche tipiche di resistenza e caparbietà della sua razza, scelta proprio per i soccorsi alpini, la cagnolina ha deciso di sedersi e non proseguire nell’escursione. Tanto da rendere necessario il suo recupero.

In realtà non si tratta di un momento di cocciutaggine da parte del quadrupede, bensì di un improvviso malore. Durate la discesa dello Scafell Pike, Daisy ha infatti mostrato segni d’affaticamento forse dovuti al dolore a una delle zampe posteriori. Così si è seduta sul prato rifiutandosi di muoversi e i proprietari, per evitarle inutili stress, hanno chiamato una squadra di recupero.

Ben 16 volontari si sono recati sulla montagna e il recupero ha richiesto 5 ore di lavoro. All’arrivo dei soccorritori, la cagnolina si è dimostrata tra l’imbarazzato e il contrariato, forse poiché poco abituata a simili attenzioni. Non a caso, i San Bernardo sono esperti in recuperi in alta montagna e raramente si trovano nella situazione di trovarsi a ruoli inversi. Dopo una “piccola persuasione”, la cagnolina si è fidata dei volontari ed è stata trasportata a valle grazie a una speciale barella. Così hanno spiegato i volontari:

Raggiunto il luogo, i membri del team si sono presentati a Daisy per non aggiungere altro stress. Con l’aiuto di qualche crocchetta e di due volontari, siamo stati in grado di verificare le sue condizioni e somministrare un analgesico per il dolore. […] È sembrata un po’ in colpa e vagamente imbarazzata, per aver infranto l’immagine dei suoi cugini sulle Alpi innevate, con tanto di barilotto di brandy attorno al collo.

Dopo una notte di riposo, il San Bernardo sembra essere tornato in piena salute.

Fonte: Huffington Post

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!