Salmonella scoperta nella papaya proveniente dal Messico

Salmonella scoperta nella papaya proveniente dal Messico

Fonte immagine: Pezibear via Pixabay

Negli Stati Uniti è allarme Salmonella Uganda, presente nella papaya proveniente dal Messico: 60 i casi di infezione scoperti fino ad ora.

Negli Stati Uniti è allarme salmonella Uganda. Un’emergenza che nasce dall’accertamento di una serie di infezioni, che sarebbero provocate dalla presenza del batterio nella papaya proveniente dal Messico. L’annuncio, diramato dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi, è arrivato in seguito all’accertamento di 60 casi di malattia in sei stati americani, 23 dei quali sottoposti a trattamento ospedaliero.

Fino ad oggi, le uniche cose a conoscenza delle autorità sanitarie d’oltreoceano sono la nazionalità dei prodotti infettati dal batterio e la corrispondenza con i casi di salmonellosi riscontrate. La provenienza precisa delle partite contaminate e la causa della diffusione endemica dell’agente patogeno nei frutti sono elementi tuttora oscuri e sottoposti a indagine.

La Food and Drug Administation, la massima autorità in materia di sicurezza sanitaria degli States, consiglia vivamente a rivenditori, ristoranti e negozi di alimentari di non acquistare papaya proveniente dal territorio messicano.  Un invito che si allarga a tutti i consumatori: la raccomandazione è di verificare sempre la provenienza dei frutti esotici acquistati, e di rinunciare all’acquisto qualora fosse proveniente dal Messico. In aggiunta a ciò, raccomanda di pulire bene il frutto, con l’ausilio di un pennello biologico, al fine di rimuovere tempestivamente ogni eventuale traccia di fonti infettive sulla buccia. Una buona pratica, importante anche nel caso di buccia non ingerita: se non lavata correttamente, questa parte del frutto può trasmettere lo sporco anche alla polpa e al coltello utilizzato per tagliarla.

In Italia, ad oggi non si sa se e dove siano presenti partite di papaya provenienti dal Messico. Un suggerimento sempre utile è quello di controllare la provenienza del frutto oppure di chiederla al rivenditore, prima dell’acquisto.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Orso M49: il video editoriale di Alfonso Pecoraro Scanio