Salmonella nella salsiccia appassita piccante, i lotti ritirati

Salmonella nella salsiccia appassita piccante, i lotti ritirati

Allerta salmonella per dei lotti di salsiccia abruzzese appassita piccante, le indicazioni per evitare rischi per la salute.

Allerta salmonella nella salsiccia abruzzese appassita piccante a marchio Tavola Italia. La presenza di Salmonella Derby è stata riscontrata in seguito a esami svolti dal produttore in regime di autocontrollo, il cui risultato è stato successivamente comunicato al Ministero della Salute.

Le confezioni di salsiccia abruzzese appassita piccante coinvolte nell’allerta salmonella sono quelle da 200 grammi commercializzate con nome o ragione sociale OSA “Salumificio Sorrentino Spa”, marchio dello stabilimento IT 1609 L CE. La produzione avviene presso la struttura sita in via Cuna Re di Coppe, 9/11 – 66030 Mozzagrogna (CH) – Italy.

Il lotto coinvolto è il numero 250920, la data di scadenza o termine minimo di conservazione fissati al 31/07/21. La sintomatologia legata al batterio della salmonella è prevalentemente gastroenterica, ovvero riguarda perlopiù episodi di dolore addominale, nausea, vomito e diarrea. A questi si aggiunge di solito un altro sintomo, la febbre. Nei casi più rari può interessare le meningi e l’apparato scheletrico. Di seguito le indicazioni utili per garantire la sicurezza alimentare dei consumatori italiani:

A tutti i clienti si raccomanda di non consumare il prodotto con il lotto indicato e di restituirlo al punto vendita di acquisto.

Diffusa nelle scorse ore anche un’ulteriore allerta, che coinvolge in questo caso alcuni lotti di latte UTH a marchio Milbona. I cartoni da un litro sono commercializzati nei punti vendita di Lidl Italia. L’avviso è stato diffuso a causa della non garantita sterilità del prodotto contenuto all’interno.

Le due allerte seguono il filone di avvisi che ha coinvolto alcuni lotti di semi di sesamo, utilizzati da diversi marchi anche per la produzione di barrette multicereali e snack salati. Tra questi anche la San Carlo, che ha dovuto ritirare delle confezioni di Snack Mix ai semi di sesamo.

Fonte: Ministero della Salute

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle