Salatini San Carlo: ossido di etilene nei semi di sesamo

Salatini San Carlo: ossido di etilene nei semi di sesamo

Allerta chimica per alcuni lotti di salatini San Carlo, ecco le informazioni del Ministero della Salute e le istruzioni in caso di acquisto.

Rischio chimico da ossido di etilene per il mix di salatini San Carlo. A lanciare l’allerta è il Ministero della Salute, che ha diffuso un avviso di richiamo che coinvolge due lotti della linea. Nel documento anche le istruzioni per tutelare i consumatori che avessero acquistato una delle confezioni interessate.

Le confezioni di salatini mix risultano commercializzate dalla San Carlo Gruppo Alimentare spa. Si tratta di buste da 400 grammi, prodotte in Polonia dalla Lajkonik Snacks Sp.o. I due lotti coinvolti sono il numero S0405 2 e il numero S04053. La data di scadenza o tmc (termine minimo di conservazione) risulta il 02-07-2021.

Come riportato sull’allerta il richiamo è causato dalla “presenza di ossido di etilene nei semi di sesamo oltre i limiti di legge”. A tutela della sicurezza alimentare dei consumatori il Ministero della Salute ha diffuso le seguenti istruzioni:

Si chiede di riconsegnare eventuali confezioni acquistate al presente punto vendita.

Nei giorni scorsi è stata diffusa dal Ministero della Salute anche un’ulteriore allerta. Si trattava di una contaminazione microbiologica che coinvolge un lotto di Brie cremoso con presenti tracce di Escherichia coli VTEC. Distribuito con il marchio Specialità Dal Casaro, il formaggio è venduto in Italia presso i punti vendita Lidl.

Il lotto interessato è il numero 403, mentre la data di scadenza o tmc risulta al 31/10/2020. Le confezioni sono del peso di circa 100 grammi. A produrre il formaggio per conto di Lidl è la JERMI Käsewerk GmbH, con stabilimento situato all’indirizzo Ritter-Heinrich-Straße 2/4 – 88471 Laupheim-Baustetten (Germania).

Fonte: Ministero della Salute

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle