• GreenStyle
  • Salute
  • Sacchetti per la spesa riutilizzabili: i rischi per la salute

Sacchetti per la spesa riutilizzabili: i rischi per la salute

Sacchetti per la spesa riutilizzabili: i rischi per la salute

Sono ecologici, ma possono anche veicolare dei batteri nocivi per il nostro corpo: ecco perchè fare attenzione ai sacchetti riutilizzabili della spesa.

Quando ci rechiamo al supermercato spesso scegliamo di mettere la nostra spesa nei sacchetti riutilizzabili di stoffa o di plastica che ci vengono venduti in cassa. Una scelta ponderata con cui cerchiamo di non inquinare, ma questi contenitori possono diffondere dei batteri mortali se vengono usati per trasportare cibi crudi come pesce, carne, uova o verdure “sfuse” con tracce di terra.

L’Agenzia per gli Standard Alimentari, FSA, ha spiegato ai consumatori l’importanza di usare sacchetti separati per trasportare cibo crudo e altri prodotti per la casa non alimentari come detersivi o disinfettanti per il bagno.

Il rischio che si corre, mettendo tutti i prodotti alimentari e non insieme, è quello di una contaminazione incrociata di batteri che dagli alimenti crudi possono “rimbalzare” su altri prodotti alimentari. Stesso discorso al contrario, sulle confezioni di prodotti non alimentari possono trovarsi batteri che facilmente potrebbero raggiungere gli alimenti freschi o crudi e contaminarli.

È importante quindi buttare via i sacchetti sporchi anche se sono riutilizzabili mentre le borse in cotone possono essere lavate per rimanere igienicamente perfette. La soluzione ideale è quella di avere tanti sacchetti diversi da usare per trasportare i diversi alimenti, ma se questo non fosse possibile, la FSA suggerisce almeno di separare i prodotti alimentari crudi dal resto della spesa.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Alla scoperta del Monte Amiata