Rinnovabili: 44% del mix in Germania per sei mesi di fila

Rinnovabili: 44% del mix in Germania per sei mesi di fila

Germania raggiunge il 44% di rinnovabili nel mix energetico per sei mesi di fila, ma permangono criticità strutturali legate alla rete elettrica.

Le rinnovabili in Germania hanno assicurato un contributo pari al 44% del mix energetico. A rendere ancora più interessante il dato presentato è il fatto che tale risultato sia stato registrato per sei mesi consecutivi, da gennaio a giugno del 2019. Un vero e proprio record per le fonti verdi, sostenute in modo particolare da condizioni meteo che hanno favorito l’eolico e il fotovoltaico. Appena un anno prima il valore massimo era stato del 38,2%.

L’eolico è la regina delle rinnovabili tedesche con un contributo di 55,8 miliardi di kWh nel periodo gennaio-giugno, in crescita del 18% rispetto allo stesso periodo 2018 (47,3 miliardi di kWh). Quota in gran parte (19% del mix energetico) garantita dagli impianti a terra mentre quelli “offshore” si sono fermati al 4%, a fronte però di una crescita piuttosto marcata (+30% rispetto al 2018).

Il fotovoltaico tedesco vale l’8% del mix energetico della Germania, con una produzione di 24 miliardi di kWh (+1 miliardo circa in più del primo semestre 2018). In leggero calo rispetto all’anno precedente le altre rinnovabili, tra cui biomasse e idroelettrico, che hanno tuttavia generato 36,7 miliardi di kWh. A presentare i dati sulla crescita delle fonti verdi nel mix tedesco due agenzie, BDEW e ZSW, che esprimono tuttavia alcune perplessità legate a problemi “strutturali”.

Secondo le due agenzie la Germania arriverà nel 2030 al 54% di rinnovabili all’interno del mix energetico. Una misura insufficiente secondo gli esperti, che risulterebbe ben al di sotto del 65% annunciato da Berlino per ridurre il proprio impatto sui cambiamenti climatici e raggiungere l’obiettivo “zero carbone” entro il 2038.

Tra gli ostacoli figurerebbero anche alcune limitazioni normative a carattere territoriale che bloccherebbero lo sviluppo di parchi eolici e solari “onshore”. A frenare la corsa delle rinnovabili anche problemi riguardanti la rete elettrica tedesca, inclusa la necessità di potenziamento in termini di “trasmissione/distribuzione” e di integrazione di sistemi di accumulo.

Fonte: Qualenergia

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

VII Forum Qualenergia: intervista a Pietro Colucci di Innovatec e Kinexia