• GreenStyle
  • Auto
  • Ricarica auto elettriche: costruttori uniti per impulso a rete europea

Ricarica auto elettriche: costruttori uniti per impulso a rete europea

Ricarica auto elettriche: costruttori uniti per impulso a rete europea

Fonte immagine: David Megginson

Le grandi case automobilistiche hanno siglato una joint venture per ampliare la rete di colonnine di ricarica sulle autostrade europee.

Gli automobilisti europei che hanno scelto di inquinare meno e di risparmiare acquistando un veicolo elettrico potranno presto contare su una rete estesa di colonnine per la ricarica ultra-rapida sulle autostrade e sulle principali arterie stradali del Continente. Il progetto è frutto di una “joint venture” tra alcune delle maggiori case automobilistiche del mondo: il Gruppo BMW, la Daimler AG, la Ford Motor Company, il Gruppo Volkswagen e l’Audi & Porsche.


L’iniziativa rivolta alle colonnine per auto elettriche è stata illustrata in una nota congiunta pubblicata dai costruttori. Gli sforzi e gli investimenti delle case automobilistiche nei prossimi mesi si concentreranno sull’aumento e sul potenziamento dei punti di rifornimento esistenti.

L’obiettivo principale della joint venture è di incentivare l’acquisto di auto elettriche, ancora troppo poco diffuse negli Stati membri, intervenendo su uno dei fattori che più frenano l’espansione del mercato: l’autonomia sulle lunghe percorrenze.


Secondo il gruppo BMW, la Daimler AG e gli altri costruttori che hanno aderito al progetto, questo passo è fondamentale per incrementare la percentuale di veicoli a zero emissioni sulle autostrade europee.

Le case automobilistiche hanno anticipato alcuni dettagli del piano: le nuove colonnine supporteranno una potenza erogata fino a 350 kW e sfrutteranno lo standard tecnologico Combined Charging System (CCS). Il punto di forza della nuova rete sarà la velocità di ricarica.

I costruttori mirano a installare tecnologie in grado di accorciare notevolmente i tempi di rifornimento rispetto a quelli attuali. Il progetto partirà nel 2017. In una prima fase verranno realizzate 400 nuove stazioni di ricarica.

Entro il 2020 sulle autostrade europee se ne conteranno a migliaia, proprio come avviene già oggi con le stazioni di rifornimento di benzina e diesel. L’obiettivo della joint venture è di rendere il rifornimento elettrico conveniente e rapido quanto un pieno di combustibili fossili. I conducenti ricaricheranno il veicolo nel tempo necessario per una pausa caffè.

Le compagnie automobilistiche, oltre a unire gli sforzi per migliorare l’esperienza di ricarica, punteranno sull’ampliamento dell’offerta di veicoli elettrici per spingere sempre più automobilisti a passare a un’auto a zero emissioni.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

BMW i3 Coupé, anche in versione elettrica ad autonomia estesa