• GreenStyle
  • Salute
  • Regole anti-fumo salveranno 7 milioni di persone secondo OMS

Regole anti-fumo salveranno 7 milioni di persone secondo OMS

Regole anti-fumo salveranno 7 milioni di persone secondo OMS

Smettere di fumare salverà la vita a 7 milioni di fumatori secondo l'OMS, che valuta nel suo rapporto l'efficacia dei provvedimenti antifumo.

Norme restrittive per il fumo salveranno 7 milioni di vite umane. Le previsioni sono elaborate dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e fanno riferimento al numero di morti che sarà possibile prevenire da qui al 2050. Al centro della ricerca i provvedimenti adottati tra il 2007 e il 2010 da 41 Paesi, Italia compresa, in merito a divieti per i fumatori, avvertenze scritte sul lato esterno dei pacchetti e aumento del prezzo delle sigarette.

La ricerca dell’OMS punta a valutare l’effettiva efficacia delle politiche anti-fumo messe in campo dai governi nazionali, valutandone l’impatto nel lungo periodo in relazione al numero di persone salvate. Circa 15 milioni saranno portati a smettere di fumare, mentre ben 7,4 milioni di soggetti a rischio eviteranno una morte prematura legata alle sigarette.

Un dato che ha sorpreso gli stessi ricercatori, come spiega l’autore principale David Levy, docente di Oncologia presso il Georgetown Lombardi Comprehensive Cancer Center di Washington:

È spettacolare scoprire che grazie all’applicazione di queste semplici regole di controllo del tabacco i governi possano salvare così tante vite.

Numeri importanti se confrontati coi circa 290 milioni fumatori mondiali e dei 6 milioni di decessi ogni anno legati al fumo. Una cifra quest’ultima che secondo l’OMS rischia di arrivare entro il 2030 a circa 8 milioni di individui/anno.

Tra i divieti che in misura maggiore riducono la mortalità da sigarette vi sarebbe l’aumento delle tasse sui pacchetti e il conseguente prezzo più alto per i fumatori: questo provvedimento da solo contribuirebbe al numero di morti evitabili per circa 3,5 milioni. Nell’ordine seguono poi la proibizione del fumo nei luoghi pubblici e i messaggi pubblicati sui pacchetti.

Una raccomandazione viene infine per quanto riguarda la necessità di una maggiore capillarità nella campagna antifumo, in particolar modo per le donne in gravidanza. Se queste ultime evitassero del tutto il ricorso alle sigarette durante la gestazione potrebbero essere evitare alcune rischiose complicazioni durante il parto.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Ciliegie senza glifosato: interviste ad Apofruit e Coop