• GreenStyle
  • Auto
  • Range Rover Evoque: il SUV mild-hybrid protagonista a Milano

Range Rover Evoque: il SUV mild-hybrid protagonista a Milano

Range Rover Evoque: il SUV mild-hybrid protagonista a Milano

Land Rover porta la Evoque a Milano all'interno del progetto Live for the City. Sul SUV britannico debutta la tecnologia mild-hybrid, in attesa della variante ibrida plug-in attesa entro l'anno.

Dopo la presentazione in anteprima mondiale dello scorso 22 novembre a Londra, la Range Rover Evoque è stata l’assoluta protagonista di un evento organizzato a Milano. Il SUV sportivo britannico è stato mostrato infatti al pubblico nello spazio polifunzionale The Mall, che per l’occasione è stato teatro di presentazioni, DJ set e ricche performance musicali.

L’appuntamento meneghino si inserisce nel progetto internazionale “Live for the City” che prevede l’esposizione della Range Rover Evoque in diverse città (le prossime tappe sono in programma a Firenze e Roma), mettendo al centro di ogni appuntamento le eccellenze e le peculiarità che ognuna di esse è in grado di offrire.

Per quanto riguarda la Evoque, tra le diverse novità portate dalla nuova generazione merita risalto l’elettrificazione di alcune versioni, a conferma di quell’anima “verde” che caratterizza il SUV di casa Land Rover. Per la prima volta, infatti, ai motori Ingenium benzina e diesel si affianca la tecnologia mild-hybrid a 48 Volt che consente di immagazzinare l’energia generata in fase di decelerazione in una batteria posta sotto il pianale. La corrente elettrica accumulata viene poi rilasciata in accelerazione per “aiutare” la spinta del propulsore termico e permettere uno spunto vivace senza penalizzare i consumi.

Proprio in tema di ottimizzazione del dispendio energetico, i tecnici inglesi hanno messo a punto un sistema che spegne automaticamente il propulsore quando la Evoque viaggia al di sotto dei 17 km/h, azzerando in quel frangente le emissioni. Non è un caso quindi che il SUV emetta 149 grammi di CO2 per chilometro e consumi fino a 5,6 litri ogni 100 chilometri percorsi. Queste performance ambientali saranno migliorate ulteriormente nel corso dell’anno, quando arriverà sul mercato la Range Rover Evoque ibrida plug-in.

Basata sulla nuova struttura Premium Transverse Architecture, la nuova generazione della sport utility Land Rover è costruita tramite l’impiego di ben 33 chilogrammi di materiali naturali e riciclati, con quest’ultimi derivati da fonti post-consumo o post-industriali ricavati dalla catena stessa dei fornitori.

Un chiaro esempio di come l’attenzione all’ambiente si possa combinare con la qualità è dato dalla pelle sviluppata dall’azienda danese Kvadrat. Il prodotto usato per rivestire un esemplare della Evoque combina un misto lana con lo scamosciato tecnico Dinamica ottenuto dal riciclo di 53 bottiglie di plastica da mezzo litro e si affianca al Tessuto Eucalyptus prodotto con fibre naturali che ha il vantaggio, non da poco, di abbinarsi ad un nuovo e leggero materiale di origine non animale.

La nuova Range Rover Evoque 2019 è già ordinabile presso le concessionarie Land Rover con prezzi in partenza da 44.500 euro.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Partenza lanciata per la sportiva ibrida BMW i8