Raccolta vetro in calo durante l’emergenza Coronavirus

Raccolta vetro in calo durante l’emergenza Coronavirus

Raccolta del vetro in calo durante la quarantena da Coronavirus, il bilancio del Consorzio Recupero Vetro.

La raccolta del vetro è in calo secondo quanto riportato da CoReVe. Secondo il Consorzio Recupero Vetro nelle città italiane è stata registrata, durante l’emergenza Coronavirus, una riduzione del 20% in termini di quantità raccolte, soprattutto a causa dello stop ad attività come bar, ristoranti oltre a strutture ricettive come hotel, B&B e agriturismi. Normalmente questo genere di locali contribuisce alla raccolta differenziata del vetro per una percentuale che oscilla tra il 40 e il 45%.

Una riduzione che poteva essere più marcata, prosegue CoReVe, ma che è stata in piccola parte limitata dall’incremento della raccolta differenziata domestica. Uno spostamento indotto dalle misure di quarantena adottate per limitare i contagi da Covid-19. Non occorre però abbassare la guardia in termini di qualità del conferimento, ha sottolineato il presidente del Consorzio Recupero Vetro, Gianni Scotti:

Guai ad allentare l’attenzione sulla qualità della raccolta differenziata, requisito fondamentale per l’effettivo avvio a riciclo dei rifiuti raccolti. Anche ai tempi del Coronavirus va infatti garantita la sostenibilità del sistema produttivo italiano, scongiurando la paralisi di un settore trainante l’economia circolare del Paese per mancanza di materiale di qualità adeguata alle esigenze delle vetrerie.

Per questo invito, una volta di più, tutti i cittadini italiani a proseguire con il loro impegno per mantenere una corretta raccolta differenziata degli imballaggi di vetro, prestando la massima attenzione alla qualità del materiale conferito.

A questo proposito CoReVe ha rivolto alcuni consigli ai cittadini per evitare di compromettere la raccolta differenziata del vetro. Il primo riguarda i sacchetti di plastica, che non devono essere gettati insieme ai contenitori: occorre gettare bottiglie e vasetti singolarmente. Da rimuovere anche eventuali tappi (se non dello stesso materiale dei contenitori).

Da ricordare infine che all’interno delle campane o dei bidoni per la raccolta differenziata del vetro non devono essere introdotti dei “falsi amici” come pyrex, ceramica e cristallo, che rischierebbero di rendere non recuperabili grandi quantità di materiale altrimenti riciclabile.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Ecomondo 2017: intervista a Domenico Prestia – Sofidel