• GreenStyle
  • Pets
  • Quokka: caratteristiche e habitat dell’animale più felice del mondo

Quokka: caratteristiche e habitat dell’animale più felice del mondo

Quokka: caratteristiche e habitat dell’animale più felice del mondo

Fonte immagine: Unsplash

Il quokka è un piccolo e simpatico marsupiale dall'andatura buffa e dall'espressività marcata: ecco le caratteristiche e l'habitat dell'animale felice.

Il quokka è un marsupiale dal formato ridotto, pari a un gatto di stazza media, parte integrante della stessa famiglia dei Macropodide, a cui appartiene anche il canguro. È un animaletto molto buffo che ama vivere di notte. Esemplare vulnerabile, è da poco entrato nella lista rossa delle specie protette: a insidiare la sua sopravvivenza è come sempre l’uomo con l’agricoltura e l’avanzare dell’urbanizzazione.

Quokka: definizione

Il quokka è un piccolo marsupiale della stessa famiglia del canguro e del wallaby: è l’unico rappresentate del genere Setonix ed è un erbivoro che ama le graminacee, i carici, le succulente e il fogliame: infatti vive dove questi sono maggiormente disponibili. Non teme l’uomo e spesso gli si avvicina, ma toccarlo è vietato per legge con relative sanzioni monetarie, inoltre è sconsigliato nutrirlo con il pane di cui è fortemente ghiotto. Il prodotto non è adatto alla sua digestione e la continua assunzione ne sta pregiudicando la sopravvivenza. È balzato agli onori della cronaca per la sua familiarità e per una serie di selfie che lo mostrano allegro e sorridente, il quokka è un essere sereno e la conformazione del muso produce una smorfia particolare, simile a un sorriso.

Caratteristiche fisiche

Quokka

Come anticipato, l’animale possiede un formato pari a un grosso gatto, mentre il peso varia dai 2,5 ai 5 chilogrammi: la coda è di circa trenta centimetri mentre il corpo appare corto e piuttosto tozzo. Le zampe posteriori risultano più grandi rispetto a quelle anteriori, ma gli consentono un’andatura a balzi. La testa piccola e leggermente triangolare è sormontata da due orecchie tonde. Il manto appare scuro e bruno con peli più chiari per un effetto brizzolato, sicuramente in contrasto con il ventre marrone chiaro. Si arrampica sugli alberi e vive in gruppo, partorisce un solo cucciolo verso la fine dell’estate, che trasporta nel marsupio.

Comportamento

Animale che vive in branco, collabora nella ricerca del cibo e vive nelle aree dove le provvigioni sono maggiormente presenti. Esemplare notturno, non disdegna l’interazione con l’uomo di cui non teme la presenza. Ma l’urbanizzazione, l’avanzare delle coltivazioni, gli incendi stanno velocemente riducendo i suoi spazi abitativi, ma anche le riserve di cibo e le aree con vegetazione più fitta dove è solito nascondersi. L’inserimento nel suo habitat di una serie di animali e predatori ha inciso negativamente sulla sua vita, come ad esempio volpi, cani, dingo e gatti, per cui è una preda naturale.

Dove vive

Quokka

Vive nella zona sud-ovest dell’Australia Occidentale e sulle isole al largo della costa, come Bald, Rottnest, Garden e Penguin, dove i predatori sono assenti. In queste zone è maggiore il livello di protezione, tanto da consentirgli di muoversi ovunque voglia, sia nella boscaglia semi-arida che nei giardini coltivati. Alle isole Rottnest è legato il primo avvistamento del quokka nel lontano 1658: il marinaio olandese Samuel Volckertzoon lo descrisse simile a un gatto, mentre Willem de Vlamingh lo scambiò per un ratto e battezzò l’isola Rottenest, che in olandese significa nido di ratti. Specie protetta, conta un numero limitato di presenze pari a 8.000 esemplari: la minaccia di estinzione si fa ogni giorno sempre più realistica.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il pappagallo che abbaia!