• GreenStyle
  • Energia
  • Quarto Conto Energia, ecco i grandi impianti ammessi agli incentivi

Quarto Conto Energia, ecco i grandi impianti ammessi agli incentivi

Quarto Conto Energia, ecco i grandi impianti ammessi agli incentivi

Dopo aver ritirato la prima versione, che conteneva errori di compilazione, il GSE ha pubblicato la graduatoria riveduta e corretta dei grandi impianti fotovoltaici che accedono agli incentivi

È finalmente disponibile la versione definitiva del Registro dei grandi impianti fotovoltaici che accedono alle tariffe del Quarto Conto Energia. La graduatoria è stata pubblicata sul sito del Gestore dei Servizi Energetici, dopo che lo stesso GSE era stato costretto a ritirare una precedente versione a causa di errori di compilazione presenti nell’elenco.

Ora, finalmente, la lista definitiva (Elenco A), che comprende 831 impianti selezionati secondo i criteri di priorità fissati dal Quarto Conto Energia: data di fine lavori dell’impianto; a parità di fine lavori, l’anteriorità della data del titolo autorizzativo; la minore potenza dell’impianto; a parità di potenza, la precedenza della data di richiesta di iscrizione al Registro.

A generare gli errori, secondo il GSE, è stato l’alto numero di richieste presentate, circa 5mila per oltre 6mila megawatt di potenza fotovoltaica, ma anche la presenza di numerose pratiche incomplete o errate, come sottolinea lo stesso Gestore in una nota ufficiale pubblicata sul proprio sito.

L’analisi della documentazione allegata alla richiesta di iscrizione, iniziata subito dopo la pubblicazione, – si legge nel comunicato – ha evidenziato la mancanza di documenti essenziali per l’iscrizione nonché numerose incongruenze e difformità tra quanto dichiarato dai soggetti responsabili e quanto si deduceva dalla documentazione inviata.

Secondo le associazioni di settore, invece, la causa degli errori e dei ritardi sta nella complessità del meccanismo di iscrizione al Registro, tanto che da più parti è giunta, nei giorni scorsi, la richiesta di modificarne i criteri di accesso, ne non addirittura di abolirlo del tutto. C’è da chiedersi come sarà accolta dal governatore siciliano Lombardo la versione riveduta e corretta della graduatoria, che comprende oltre 480 impianti localizzati in Puglia, a fronte delle sole 73 installazioni incentivate in Sicilia. Secondo Lombardo, infatti, i meccanismi di accesso al Registro penalizzano la sua regione.

Il GSE, dal canto suo, precisa che l’inserimento in graduatoria rappresenta una condizione necessaria, ma non sufficiente per poter l’accesso agli incentivi, dal momento che l’erogazione delle tariffe avrà inizio solo se la documentazione presentata dai titolari degli impianti risulterà effettivamente conforme agli obblighi di legge.

Sul sito del Gestore è disponibile anche la lista (Elenco B) degli impianti che, essendo già entrati in esercizio, non necessitano l’iscrizione nel Registro, nonostante i soggetti responsabili ne abbiano comunque fatto richiesta. Nelle prossime settimane, infine, il GSE pubblicherà le graduatoria degli impianti che non rientrano nei limiti di costo stabiliti dal Quarto Conto Energia per il semestre in corso (Elenco C), e di quelli esclusi dal Registro per incompletezza della documentazione presentata (Elenco D).

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella