• GreenStyle
  • Consumi
  • Qatar: cinque stadi ad energia solare per la Coppa del Mondo 2022

Qatar: cinque stadi ad energia solare per la Coppa del Mondo 2022

Qatar: cinque stadi ad energia solare per la Coppa del Mondo 2022

È un business molto appetibile e decisamente lungimirante quello che ruota intorno al pallone da calcio. A poche settimane dal fischio d’inizio dei mondiali in Sud Africa c’è già chi pensa al futuro, più precisamente alla competizione del 2022. Il Qatar, in lizza con altre dieci nazioni per ospitare il torneo che andrà in scena […]

È un business molto appetibile e decisamente lungimirante quello che ruota intorno al pallone da calcio. A poche settimane dal fischio d’inizio dei mondiali in Sud Africa c’è già chi pensa al futuro, più precisamente alla competizione del 2022. Il Qatar, in lizza con altre dieci nazioni per ospitare il torneo che andrà in scena tra dodici anni, ha già iniziato la costruzione di cinque avveniristici stadi per ospitare i match.

Ciò che rende speciali le strutture, oltre al particolare design apprezzabile nella galleria di immagini presente a fondo post, è l’intenzione di equipaggiare impianti in grado di sfruttare al meglio la fonte di energia pulita principale del paese mediorientale: il sole.

Si tratterà inoltre dei primi stadi al mondo capaci di garantire un’adeguata refrigerazione al terreno di gioco e agli spalti, nonostante si trovino all’aperto e considerata l’elevata temperatura esterna dovuta alla posizione geografica. Gli atleti e gli spettatori saranno infatti immersi in un clima mantenuto costantemente a 28° C.

Sorprendentemente, qualora la FIFA optasse per assegnare proprio al Qatar la Coppa del Mondo di calcio del 2022 (la decisione verrà resa nota nel prossimo mese di dicembre), una volta terminato il torneo, le cinque strutture verrebbero subito smantellate e inviate pezzo per pezzo ai paesi confinanti, con l’obiettivo di promuovere la cultura dello sport nelle nuove generazioni.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella