Procioni scuoiati vivi per produrre stivali, shock in Cina

Procioni scuoiati vivi per produrre stivali, shock in Cina

Cina nuovamente protagonista di crudeltà verso gli animali. Scuoiati vivi dei procioni per produrre imitazioni di una nota marca di stivali

Procioni scuoiati vivi per produrre imitazioni di stivali molto popolari in Gran Bretagna, gli “Ugg”. L’ennesima crudeltà nei confronti degli animali viene perpetrata ancora una volta in Cina, dove vengono prodotti i “falsi” destinati soprattutto al mercato europeo. A denunciarlo il Daily Mail, che pubblica anche alcune immagini di particolare impatto emotivo.

I popolari stivali vengono ottenuti mediante l’utilizzo di una pelle di pecora australiana di alta qualità, ricavata da animali macellati secondo criteri di rispetto dell’animale e quindi molto più costosi delle contraffazioni cinesi. I metodi con cui si ricava a pelliccia dai piccoli orsetti lavatori è ben più cruenta e prevede ore di dolorosissima agonia: gli animali vengono scuoiati con estrema lentezza per aumentare la qualità delle pellicce ricavate.

Un comportamento che ha purtroppo dato i suoi tristi frutti a livello economico. Senza saperlo, migliaia di consumatori britannici hanno acquistato copie contraffatte di stivali di marca, prodotto con la pelliccia di innocenti procioni, sottoposti in aggiunta a torture indicibile pur di strappar loro via la pelliccia. Invaso anche il mercato europeo grazie alla particolare economicità delle repliche e alla loro disponibilità in alcuni negozi online.

Cinesi purtroppo non nuovi a operazioni di marketing a danno di animali innocenti. Ricordiamo i numerosi e altrettanto violenti episodi (spesso raccontati in video di rara crudeltà) che vedevano sfortunati protagonisti cani e gatti, impiegati per contraffare prodotti di abbigliamento come giubbotti e soprabiti con la “pelliccetta”. Un traffico che deve e può essere fermato, anche semplicemente cominciando a dire no a tutti quei prodotti “sospetti”, soprattutto se contenenti parti in pelliccia.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il pappagallo che abbaia!