Premio innovazione amica dell’ambiente 2013, ecco i vincitori

Premio innovazione amica dell’ambiente 2013, ecco i vincitori

Legambiente ha scelto i vincitori del Premio Innovazione Amica dell'Ambiente. Sette i progetti di innovazione green che hanno ottenuto il riconoscimento

Sono 7 i vincitori dell’edizione 2013 del Premio Innovazione Amica dell’Ambiente, promosso da Legambiente in parternariato con Confindustria, Regione Lombardia, Politecnico di Milano e Università Bocconi e con il contributo di Fondazione Cariplo.

Tra i 151 candidati in gara, la giuria ha scelto di premiare i seguenti progetti:

  • TOSA Trolley bus Optimized System Alimentation di ABB: un sistema di ricarica ultra-veloce delle batterie elettriche per i mezzi di trasporto;
  • Ecosistema della Piana, dell’omonima cooperativa: produzione casearia e frutticola a sistema chiuso e autoproduzione di energia;
  • Cenni di Cambiamento di POLARIS Real Estate: complesso residenziale di edilizia sociale con spazi di cohousing costruito con criteri ambientali;
  • Sharing Torino (Sharing Srl): recupero edilizio e riconversione in struttura di cohousing con servizi resi al territorio;
  • Progetto di viticoltura sostenibile della Società agricola Principi di Porcìa e Brugnera;
  • E-Studio 306LP/RD 30 di Toshiba Tec Italia Imaging System, un sistema di stampa che permette la cancellazione dei documenti e il riutilizzo dei fogli di carta;
  • AreaC, la congestion charge che regola gli accessi nella Ztl del centro di Milano.

Altre 12 le realtà, tra cui il progetto “Grafene nella gomma” dell’azienda Directa Plus, hanno invece ottenuto una segnalazione speciale.

Il Premio Innovazione Amica dell’Ambiente, ideato da Legambiente nel 2000 e giunto alla sua XII edizione, aveva quest’anno per tema “Sostenibilità, intelligenza, bellezza”: La via italiana all’economia verde”. Si tratta di un riconoscimento che premia le imprese che fanno innovazione sostenibile nel nostro paese.

Commenta Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente, a proposito dello spirito di innovazione green delle aziende italiane:

La stessa energia e la voglia di mettersi in gioco la deve però avere anche il Governo, puntando su un’agenda programmatica che abbia tra le sue priorità lo sviluppo dell’economia sostenibile con precise e innovative politiche nei settori dell’edilizia, della mobilità e dell’efficienza energetica

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista ad Alfonso Pecoraro Scanio