Politica Ambientale Amazon: dipendenti a rischio licenziamento

Politica Ambientale Amazon: dipendenti a rischio licenziamento

Centinaia di dipendenti Amazon stanno protestando contro le pratiche ambientali dell’azienda rischiando il licenziamento.

La regola dice che se sei un dipendente Amazon non puoi rilasciare commenti pubblici sulle attività dell’azienda senza autorizzazione, ma gli impiegati si sono ribellati alle politiche ambientali del colosso e hanno chiesto pubblicamente a Bezos di impegnarsi maggiormente per l’ambiente.

Amazon: le proteste dei dipendenti

Politiche ambientali Amazon

I lavoratori, nonostante ci fosse la possibilità concreta di perdere il lavoro, si sono organizzati in un gruppo chiamato Amazon Employees for Climate Justice per parlare delle politiche ambientali del colosso dell’e-commerce e in un recente comunicato hanno fatto sapere:

Come dipendenti Amazon, siamo responsabili non solo del successo dell’azienda, ma anche del suo impatto. È nostra responsabilità morale parlare e le modifiche alla politica delle comunicazioni ci stanno censurando dall’esercitare tale responsabilità. Ora non è il momento di mettere a tacere i dipendenti, specialmente quando la crisi climatica rappresenta una minaccia senza precedenti per l’umanità.

Amazon ha diverse problematiche legate all’ambiente: oltre a spedire più di un miliardo di pacchi all’anno solo negli Stati Uniti, la società consuma grandi quantità di energia elettrica da fonti non rinnovabili. Sebbene Amazon abbia di recente approvato il Climate Pledge, con cui si impegna ad azzerare le emissioni di carbonio entro il 2040, la società continua a contribuire all’estrazione di combustibili fossili. Sarà questo il vero inizio della rivoluzione? Interrogato sull’argomento, Amazon Italia ha fatto sapere: “Poniamo molta attenzione a queste tematiche e la pagina dedicata alle ‘Nostre Posizioni’ lo chiarisce, delineando ciò che stiamo già facendo. Prendiamo come esempio il tema del cambiamento climatico: abbiamo fondato il Climate Pledge, impegnandoci a ridurre a zero le emissioni di anidride carbonica entro il 2040, dieci anni in anticipo rispetto all’Accordo di Parigi. Prevediamo di utilizzare il 100% di energia rinnovabile entro il 2030 e abbiamo migliaia di persone che lavorano su iniziative legate alla sostenibilità all’interno della nostra azienda. Invitiamo tutti i dipendenti ad impegnarsi, in maniera costruttiva, a lavorare assieme ai tanti team che all’interno di Amazon si occupano di sostenibilità così come di altri temi, ma applichiamo la nostra politica di comunicazione esterna e non consentiremo ai dipendenti di denigrare pubblicamente o mettere in cattiva luce l’azienda o l’assiduo lavoro dei colleghi che stanno sviluppando soluzioni a questi difficili problemi.”

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Mercedes-Benz VISION AVTR: video dell’elettrica del futuro ispirata ad Avatar