• GreenStyle
  • Consumi
  • Plastica monouso: vietata la vendita a Castiglione della Pescaia

Plastica monouso: vietata la vendita a Castiglione della Pescaia

Plastica monouso: vietata la vendita a Castiglione della Pescaia

Fonte immagine: Pixabay

La campagna contro l’uso e la vendita della plastica monouso continua, il comune di Castiglione della Pescaia la mette al bando.

La plastica, almeno quella monouso, è bandita nel Comune di Castiglione della Pescaia. Il centro toscano ha aderito alla campagna di Greenpeace #plasticfree anticipando la direttiva europea sulla riduzione della plastica negli esercizi commerciali.

Tutti gli esercenti, le attività commerciali, artigianali e di somministrazione di alimenti e bevande, non potranno più distribuire ai clienti materiali plastici usa e getta. Posate, piatti, bicchieri, cotton fioc, cannucce, palette per il gelato e sacchetti, dunque, da ora in poi saranno categoricamente tutti biodegradabili e in materiale di facile compostaggio.

Gli operatori commerciali e turistici avranno tempo fino a giugno 2019 per smaltire le scorte e dall’estate dovranno utilizzare solo materiali sostenibili per l’ambiente. Un’ordinanza che impone a cittadini e turisti di Castiglione della Pescaia uno stile di vita più green e sostenibile. Il vicesindaco con delega all’ambiente Elena Nappi spiega:

Dobbiamo dire stop a prodotti usa e getta in plastica tutti assieme mettendo al bando le stoviglie monouso, che se non riciclate in modo corretto, finiscono per inquinare il mare mettendo a rischio tutto l’ecosistema marino. Abbiamo dato vita ad una norma che ha un obbiettivo molto semplice, quello di vietare tutti i prodotti monouso di plastica a favore di contenitori biodegradabili. Chi trasgredirà, negozianti o clienti, sarà multato con una sanzione, che partirà da 25 fino ad un massimo di 500 euro.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Maria Cristina Finucci