Plastica: Coca-Cola e PepsiCo abbandonano la lobby USA

Plastica: Coca-Cola e PepsiCo abbandonano la lobby USA

Fonte immagine: iStock

Coca-Cola e PepsiCo abbandoneranno l'associazione industriale USA della plastica, un successo frutto di una petizione globale secondo Greenpeace.

Coca-Cola e PepsiCo non faranno più parte della Plastics Industry Association. Le due big mondiali delle bibite gassate hanno annunciato di voler interrompere i rapporti con l’associazione industriale statunitense della plastica. Un successo dovuto, ha affermato Greenpeace USA, alle crescenti pressioni ricevute in seguito alle firme raccolte (oltre 3 milioni) dalla petizione lanciata su scala globale dall’associazione ambientalista.

Un passo importante nella lotta alla plastica secondo Greenpeace, che ha sottolineato come proprio la Plastics Industry Association abbia opposto forti resistenze all’introduzione di divieti sui prodotti monouso introdotti da diversi Stati USA. Come ha sottolineato John Hocevar, direttore della campagna Oceani di Greenpeace USA:

Coca-Cola e PepsiCo si sono finalmente accorte di non poter affermare pubblicamente di voler porre fine all’inquinamento da plastica e al contempo sostenere economicamente una associazione che esercita pressioni per mantenere inalterata la nostra dipendenza dalla plastica usa e getta. La decisione di Coca-Cola e PepsiCo rappresenta una vittoria per circa tre milioni di persone che in tutto il mondo hanno sottoscritto la nostra petizione per chiedere alle multinazionali degli alimenti e delle bevande ogni sforzo per ridurre l’utilizzo di plastica monouso.

Lotta contro la plastica usa e getta che Greenpeace porta avanti da anni, anche attraverso pressioni sulle grandi compagnie affinché utilizzino materiali più sostenibili e alleggeriscano il loro impatto lungo tutta la filiera di produzione. Tuttavia, ricorda l’associazione ambientalista, malgrado Coca-Cola e PepsiCo abbiano promesso una riduzione della propria impronta ecologica legata all’impiego di plastica nessuna delle due ha messo in atto alcun programma concreto di avvicinamento all’obiettivo (come dimostrano i rifiuti plastici raccolti lungo le spiagge nel 2018).

Stop all’inquinamento da plastica che passa anche per iniziative come Plastic Radar, con Greenpeace che ha attivato un numero Whatsapp +39 342 3711267 affinché possano essere segnalati eventuali rifiuti presenti in natura: basterà inviare una foto, possibilmente con marchio o etichetta leggibili, corredato delle informazioni che portino al ritrovamento e quindi al recupero dell’oggetto. I risultati del progetto possono essere visionati sul sito plasticradar.greenpeace.it).

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Maria Cristina Finucci