Plastica, Capri mette al bando quella monouso

Plastica, Capri mette al bando quella monouso

Fonte immagine: Pixabay

Capri mette al bando la plastica monouso, via da tutto il territorio comunale bicchieri, cannucce, posate, contenitori e bottigliette usa e getta.

Capri diventa plastic free. Anche la famosa isola in provincia di Napoli ha preso la sua decisione, via la plastica monouso: al bando bicchieri, cannucce, posate, bottigliette, sacchetti monouso, contenitori per il cibo, vassoi, e così via.

Il sindaco Giovanni De Martino ha firmato ieri (28 marzo) l’ordinanza che impone il divieto di vendita per tutti i prodotti “usa e getta” di plastica. Dal prossimo maggio e su tutto il territorio comunale, comprese spiagge e fascia costiera, non potrà essere venduto nessun prodotto con queste caratteristiche.

Il divieto si rivolge non solo agli esercenti e alle attività commerciali, ma rientrano nella decisione anche le organizzazioni turistiche esterne all’isola che non potranno più fornire ai propri clienti plastica monouso.

Nell’ordinanza si legge che si “potranno distribuire agli acquirenti esclusivamente posate, piatti, bicchieri, vassoi, paline per il caffè, contenitori per l’asporto di cibi, sacchetti monouso (shoppers) in materiale biodegradabile e compostabile, conformi agli standard indicati dalle norme UNI EN 13432 e UNI EN 14995″.

Per i trasgressori saranno previste multe da un minimo di 25 euro a un massimo di 500 euro, tuttavia si riserva un periodo di tolleranza pari a 90 giorni (successivi all’ordinanza) per permettere alle attività commerciali di smaltire le giacenze di scorta.

Pochi giorni prima, ad anticipare la mossa dell’amministrazione comunale, ci aveva pensato Gemma Rocchi, proprietaria del primo stabilimento plastic free di Capri e titolare de “Il Ristorante Da Gemma”:

Era da tempo che pensavo di adottare delle misure sostenibili, ma quest’inverno di ritorno da un recente viaggio in Indonesia, dove sono rimasta particolarmente scossa per le gravi condizioni ambientali, ho deciso di non aspettare ulteriormente e agire.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Raccolta beach litter: intervista con Laura Brambilla – Legambiente