• GreenStyle
  • Consumi
  • Plastic Tax, taglio in manovra: novità anche per Ilva e auto aziendali

Plastic Tax, taglio in manovra: novità anche per Ilva e auto aziendali

Plastic Tax, taglio in manovra: novità anche per Ilva e auto aziendali

Tagli alla Plastic Tax e agli interventi sulle auto aziendali, le novità in manovra confermate dal Ministro dell'Economia Gualtieri.

Tagli in arrivo per quanto riguarda la Plastic Tax e gli interventi sulle auto aziendali. Dopo le anticipazioni del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sono arrivate le conferme da parte del Ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri, presente ieri durante la trasmissione “DiMartedì” su La7. Novità anche per quanto riguarda l’Ilva e il nodo “scudo penale”.

L’introduzione della Plastic Tax aveva fatto discutere, scatenando le proteste dei produttori di imballaggi in plastica. Alla presentazione della prima versione del provvedimento sono seguiti alcuni incontri tra il governo e le associazioni di settore, che hanno portato ad alcune modifiche sostanziali: taglio del prelievo da 1 euro a 50 centesimi per ogni chilogrammo di plastica, esenzione per prodotti quali dispositivi medici e farmaci, come anche per la plastica riciclata (che verrà trattata al pari di quella biodegradabile e compostabile); ne conseguirà un gettito ridotto del 70%. Ha sottolineato Gualtieri:

Abbiamo avuto un tavolo con tutti gli operatori della filiera plastica, anche con le associazioni, con Legacoop, Confapi, Confindustria, e abbiamo deciso di lanciare un tavolo permanente per un grande piano nazionale della plastica.

Per quanto riguarda la nuova tassazione sulla auto aziendali, il Ministro Gualtieri ha dichiarato che:

La misura è stata profondamente rivista: nessuno avrà un euro di tasse in più perché ci sarà una modifica del sussidio. Per le nuove auto ci sarà un’ulteriore riduzione, cioè un sussidio aumentato per le auto poco inquinanti.

Nel dettaglio, le modifiche introdotte si tradurranno nelle seguenti disposizioni in merito ai “Fringe benefit” (in vigore per i nuovi contratti, decorrenza luglio 2020):

  • Riduzione al 25% per auto aziendali con emissioni di CO2 al di sotto dei 60 g/km;
  • Riduzione al 30% per le vetture al di sopra dei 60 g/km, ma entro i 160 g/km;
  • Superata quota 160 g/km, ma entro la soglia dei 190 g/km, la percentuale è fissata al 40% nel 2020 e salirà al 50% nel 2021;
  • Al di sopra dei 190 g/km percentuale al 50% per il 2020 e al 60% dal 2021.

Gli introiti per lo Stato scenderanno da 1,079 miliardi a 312 milioni in relazione alla Plastic Tax, e da 332,5 mln ad appena 2,1 per le auto aziendali. Il Ministro Gualtieri ha sottolineato però che il mancato gettito non verrà compensato da ulteriori balzelli. Sul fronte Ilva è stato dichiarato “inammissibile” l’emendamento della Lega che chiedeva il ripristino dello scudo penale.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Raccolta beach litter: intervista con Laura Brambilla – Legambiente