Pitone scappa e uccide due bambini in Canada

Pitone scappa e uccide due bambini in Canada

Un pitone scappa dalla teca di un negozio di animali e strangola due bambini di 7 e 5 anni: succede in Canada, nasce una polemica sugli animali pericolosi.

Una tragica vicenda proviene da Cambellton, in Canada, dove due bambini hanno perso la vita a causa di un pitone. L’esemplare, di proprietà di un negozio di animali, è fuggito dalla sua teca e si è intrufolato in una vicina abitazione.

>>Leggi dei serpenti nascosti nell’armadio

Il tutto è accaduto ieri, all’incirca alle 6.30 del mattino: due bambini, rispettivamente di cinque e sette anni, sono stati ritrovati senza vita perché strangolati dal pitone. Il serpente, scappato dalla sua teca dal negozio di animali, si è infilato nel condotto dell’areazione e ha così raggiunto l’abitazione sovrastante. Ottenuto l’accesso alla camera dei bimbi, li ha strangolati nel sonno arrotolandosi con il corpo – lungo dai tre ai quattro metri e mezzo – attorno ai loro colli. I piccoli si trovavano in quell’abitazione perché ospiti di una coppia di amici.

Stando a quanto riporta Repubblica, da tempo il vicinato protestava contro il negozio d’animali, forse perché gli esemplari presenti non parevano custoditi seguendo le dovute attenzioni alla sicurezza. Pare che negli anni vi sia stata anche una petizione per richiedere agli uffici competenti la chiusura della struttura, ma nulla sarebbe stato compiuto. La gendarmeria canadese conferma oggi come la licenza dei proprietari sia stata momentaneamente rimossa in attesa di riesaminare l’intero caso. L’autopsia sui corpi dei due bambini avverrà invece nei prossimi giorni.

Negli ultimi decenni, sempre più persone si fanno cogliere dal fascino delle specie animali esotiche o pericolose, quali appunto i serpenti. Accudire una specie potenzialmente killer, tuttavia, richiede delle competenze specifiche e dei luoghi sicuri da cui gli animali non possano sfuggire, delle norme di sicurezza che evidentemente non venivano seguite dal negozio sotto accusa. A breve vi sarà il prosieguo della vicenda, non appena le autorità locali termineranno la fase d’indagine e formalizzeranno le accuse contro i proprietari.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il pappagallo che abbaia!