Piedi e mani sempre freddi: cause e rimedi

Piedi e mani sempre freddi: cause e rimedi

Avere piedi e mani sempre freddi può essere dovuto alle basse temperature o ad altre cause: ecco quali sono e i rimedi naturali più efficaci.

Avere piedi e mani sempre freddi è una sensazione poco piacevole, oltre a poter essere indicativa di uno stato di salute non proprio ottimale. Non sempre questo fenomeno è collegato alle basse temperature ambientali, ma è alle volte un sintomo di patologie o disturbi sottostanti che necessitano di un trattamento specifico.

A soffrire di mani e piedi sempre freddi sono perlopiù le donne, mentre gli uomini sono meno interessati, seppure non esenti, dal fenomeno. Alcune indicazioni possono aiutare a comprendere meglio il perché queste condizioni possano manifestarsi e quali sono i rimedi naturali considerati generalmente più efficaci, fermo restando il suggerimento di consultare il proprio medico curante prima di procedere con eventuali trattamenti o per ulteriori indagini in merito a possibili patologie sottostanti.

Piedi freddi sul divano
Fonte: Image by Katrina_S from Pixabay

Cause

Tra le possibili cause di chi soffri di mani e piedi freddi figurano innanzitutto le basse temperature. Questo perché l’organismo reagisce all’ambiente esterno restringendo i vasi sanguigni e riducendo di conseguenza l’afflusso di sangue alle estremità, causandone il raffreddamento nonché il minore spessore dei tessuti molli. Altro effetto evidente è il colorito della pelle, che tende a essere meno rosaceo.

Altra possibile causa per piedi e mani sempre freddi è l’ipotiroidismo, una disfunzione ormonale che porta la tiroide a lavorare meno di quanto dovrebbe. Oltre alla temperatura ridotta delle estremità può suggerire tale ipotesi anche il manifestarsi di debolezza cronica, tendenza ad aumentare di peso e colorito pallido.

Piedi e mani sempre freddi possono anche essere un segnale relativo alla Sindrome di Raynaud, che si esprime attraverso lo spasmo eccessivo dei vasi sanguigni in seguito all’esposizione a un forte shock, sia esso di tipo termico e/o emotivo. Le dita sono le parti più colpite da questo fenomeno, che può inoltre colpire anche il naso, le orecchie e persino la lingua.

Quando si parla nello specifico di piedi freddi la “colpa” può ricadere anche su un’arteriopatia periferica, generata dalla formazione di placche adipose all’interno delle arterie riducendone di fatto lo spazio dedicato al transito del flusso sanguigno. Fattori di rischio sono rappresentati dal fumo, dall’età (se over 50) oltre che da valori troppo alti per quanto riguarda glicemia, colesterolo e/o pressione. Possibile anche che mani e piedi freddi siano dovuti ad anemia, escluse altre ipotesi è opportuno consultare il proprio medico per valutare eventuali analisi del sangue specifiche.

Tendono a manifestare mani e piedi sempre freddi anche i pazienti sottoposti a terapie a base di farmaci beta-bloccanti o con disturbi al sistema nervoso autonomo, quest’ultimo responsabile anche della termoregolazione. Da non dimenticare infine la possibilità che il fenomeno sia dovuto a problematiche di tipo cardiovascolare.

Donna, mani e tisana
Fonte: Image by leticiaalvares10 from Pixabay

Rimedi

In caso di mani e piedi freddi diversi sono i possibili rimedi naturali, da scegliere in funzione di quella che si pensa possa essere la causa scatenante. In generale è consigliato evitare di fumare, per non influire negativamente sulla circolazione del sangue e quindi sulla capacità dell’organismo di irrorare adeguatamente le parti periferiche. Se possibile evitare anche il consumo di caffè.

Qualora si soggiorni in ambienti tendenzialmente freddi coprire adeguatamente il corpo e se necessario le mani, muovendo di tanto in tanto le dita delle mani e dei piedi per riattivare la circolazione e stimolarne il riscaldamento. L’abbigliamento dovrà essere comodo, così da non comprimere troppo le estremità innescando un raffreddamento da emostasi.

In caso di sindrome di Raynaud si ricorre solitamente a farmaci vasodilatatori oppure a soluzioni naturali come ad esempio il peperoncino o le foglie di gingko biloba. Da ricordare il fatto che il caffè può avere effetti opposti, rivelandosi quindi controproducente.

Contro l’anemia è consigliata un’alimentazione sana ricca di ferro, vitamina C, acido folico e B12. Potassio, sodio e liquirizia possono invece aiutare in caso di pressione bassa. Specialmente in inverno è utile ricorrere a una tisana calda allo zenzero, capace di riscaldare le estremità anche grazie alle proprietà benefiche contenute nella radice.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

5 usi insoliti del limone