Piante con bacche autunnali: quali scegliere

Piante con bacche autunnali: quali scegliere

Fonte immagine: Pixabay

Le piante con bacche sono la soluzione perfetta per abbellire il giardino e il balcone nei mesi più freddi: guida alla scelta.

Non è necessario attendere le fioriture primaverili per ammirare un balcone o un giardino splendente e colorato. Le piante con bacche sono perfette per decorare e abbellire gli spazi verdi durante le stagioni fredde, spesso rappresentando anche una fonte di cibo per gli uccelli e i piccoli animali. Molte delle piante con bacche, inoltre, si caratterizzano per una durata molto lunga e spesso rappresentano la soluzione perfetta per creare originali decorazioni naturali durante le festività, sfruttandone l’intensità cromatica e la particolare forma.

Per quanto riguarda l’autunno, questa stagione è ricca di piante con bacche, alcune delle quali commestibili e in grado di resistere anche fino a Natale. Ecco una ricca selezione delle più decorative.

Agrifoglio

Simbolo natalizio per eccellenza, l’Agrifoglio produce bacche che persistono fino a dicembre inoltrato. È un arbusto sempreverde che può raggiungere i 10 metri di altezza, chiamato anche aquifoglio, alloro spinoso o pungitopo maggiore. Le sue foglie sono di colore verde lucido e possono durare per un intero anno, mentre i fiori sbocciano verso la fine dell’estate. È proprio in autunno, invece, che inizia la produzione delle tipiche bacche rosse.

Nandina domestica

Un altro arbusto sempreverde molto ornamentale è Nandina domestica, in grado di generare fiori bianchi in primavera e bacche rosse durante l’autunno e l’inverno. Detta anche “Bambù sacro”, si copre di foglioline strette e allungate che in autunno assumono una colorazione ramata. I fiori sbocciano generalmente nel mese di luglio, mentre a novembre fanno la loro comparsa i grappoli di bacche di colore rosso che persistono per la maggior parte dell’inverno.

Skimmia

Originaria del Giappone, la Skimmia è un cespuglio sempreverde che produce bacche di colore diverso a seconda della specie. Vanta una chioma molto folta e in primavera spuntano fiori bianchi molto profumati. Dopo la fioritura le piante femminili generano bacche tonde di amaranto raggruppate anch’esse in grappoli. È una pianta che resiste bene anche alle temperature più rigide che scendono sotto la soglia dello zero.

Callicarpa

La Callicarpa è un arbusto deciduo di origine orientale che raggiunge un’altezza massima pari a circa due metri e mezzo. Produce fiori color lilla in estate, mentre a partire dal mese di settembre genera grappoli di bacche viola molto vistose che resistono fino ai primi geli.

Gaulteria

Le bacche rosso vivo commestibili della Gualtieria persistono per tutto il periodo invernale. È una pianta arbustiva perenne che raggiunge un’altezza ridotta, tale da poter essere coltivata anche in piccoli vasi. Le foglie ovali hanno un colore che varia dal verde al rosso, mentre i fiori campanulati piccoli e chiari sbocciano in primavera. I frutti, come accennato sopra, sono piccole bacche con diametro di un centimetro che ricordano le ciliegie.

Cotoneaster

Originario della Cina, il Cotoneaster viene spesso utilizzato per realizzare siepi colorate e folte, caratterizzate da foglie di colore verde che diventando rosse in autunno. I fiori bianchi e rossi a forma di stella lasciano il posto ai caratteristici frutti autunnali, delle bacche sferiche rosse che talvolta possono avere una forma ovale e virare il loro colore verso tonalità più chiare, dall’arancione al rosa.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Detersivi con scarti alimentari: ecco come realizzarli