Piano Energetico: Italia a tutto gas?

Piano Energetico: Italia a tutto gas?

Secondo Scaroni, amministratore delegato dell'ENI, il risultato del referendum apre all'Italia uno scenario energetico in cui sarà predominante il ruolo del gas

Con il referendum del 12 e il 13 giugno, l’Italia ha detto definitivamente No all’ipotesi nucleare. Se però gli ambientalisti auspicano un rinnovo d’interesse del nostro Paese nei confronti delle rinnovabili – magari rivedendo il Quarto Conto Energia e concedendo maggiori finanziamenti – altre realtà immaginano un futuro diverso. Fra questi, l’amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, che prevede per l’Italia un futuro a base di “gas”:

Gli italiani hanno deciso di andare a tutto gas: bene, teniamone conto, facciamo in modo che il gas ci sia, che costi il meno possibile e che sia assicurato il suo approvvigionamento.

Sul nucleare, poi, Scaroni non ha dubbi. Un’idea poco fattibile:

Di nucleare prima si parlava soltanto, ora smetteremo anche di parlarne. Già prima dubitavo che riuscissimo a farlo, figuriamoci adesso.

Non si sa quanto costa davvero, né in relazione agli investimenti necessari né per quanto riguarda il costo futuro per Kilowatt/ora. Faccio fatica a dire che il nucleare sarà competitivo, ma sarebbe importante per la diversificazione delle fonti energetiche.

Anche le rinnovabili non sono però al soluzione ai problemi italiani, secondo l’uomo forte dell’ENI. E non lo saranno almeno per i prossimi quindici anni, lasciando il gas come unica alternativa fattibile per una strategia energetica nazionale funzionale:

Penso che ora ci sarà un periodo d’oro per il gas per almeno 15 anni; poi, magari, le rinnovabili sostituiranno gli idrocarburi e, perché no?, anche il gas. Oggi, tuttavia le rinnovabili sono ancora troppo costose: il fotovoltaico italiano costa sei volte quello che costa l’energia termica, ma soprattutto ci sono problemi di intermittenza e di stoccaggio dell’energia prodotta e di stoccaggio.

Insomma, per i prossimi anni ci aspetta un futuro “a gas”?

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Alla scoperta del Monte Amiata